Nota diramata dagli organizzatori

L’acqua bene comune, essenziale per la vita, è stato il tema discusso domenica pomeriggio a Paola in piazza del popolo.

L’evento, organizzato dal meetup Paola 2.0 amici di Beppe  Grillo,  ha portato in piazza il pluripremiato comune di Saracena (CS) nella persona del primo cittadino.  Comune virtuoso per la gestione pubblica dell’acqua e del ciclo dei rifiuti.

Il sindaco di Saracena, Gagliardi, è intervenuto a testimoniare l’esperienza messa in pratica e a suggerire la strada da percorrere per replicare i loro risultati, incitando tutti i comuni calabresi ad avere il coraggio di seguire il suo esempio. Sottolineando che liberarsi di una classe politica che nulla ha fatto negli ultimi decenni è il primo step, che l’onestà verso i propri concittadini è fondamentale per intraprendere un cambiamento radicale. Gagliardi ha vinto il premio ambiente 2015, riconoscimento assegnato alle personalità che si sono distinte per aver contribuito a migliorare l’ambiente e la qualità della vite.

La municipalità di Saracena si è riappropriata delle infrastrutture idriche e, gestendo internamente il servizio, è riuscita ad abbassare di molto il costo delle bollette oltre a garantire un controllo qualità diretto e sempre tempestivo.

Anche sui rifiuti ci sono stati dei passaggi, il Sindaco, infatti,  ha raccontato come il comune ricava 13mila euro di utili annui dalla vendita del riciclato e abbia creato 14 posti di lavoro, quasi azzerando il conferimento in discarica.

Ad aprire l’evento è stato Guglielmo Minervino del meetup locale, mentre a descrivere quanto accade a Paola è stato Edoardo Stefano, di Cambia Paola, il quale ha snocciolato, dati alla mano, i problemi e gli ultimi accadimenti che hanno interessato il  nostro comune per quanto riguarda il servizio idrico.

Stefano ha ricordato, nel suo intervento, il recente caso della non potabilità dell’acqua, della sua frequente mancanza in alcune zone periferiche, le tubature fatiscenti, l’assenza degli allacci fognari persino in centro città, del mare sporco e delle bollette esose al fronte di servizi scadenti.

L’incontro è stato coordinato da Francesca Menichino, consigliere comunale di Amantea del Movimento 5 Stelle, già portavoce di riferimento per i comuni costieri del cosentino.

In conclusione Andrea Cassano del meetup di S. Lucido ha tracciato il quadro di proposte e  iniziative che il coordinamento dei meetup costieri sta portando avanti in tutti i comuni dove  sono presenti tanti cittadini “attivi” sostenitori del Movimento.

Evento ricco di contenuti e dal carattere propositivo è stato seguito con interesse dai presenti, fra questi, purtroppo nessun membro dell’amministrazione comunale, probabilmente convinta di stare operando scelte giuste e convenienti per i cittadini paolani, forti anche dei recenti risultati elettorali che hanno visto la riconferma delle amministrazioni precedenti, forse convinti di poter equiparare il loro lavoro e la soddisfazione dei propri elettori.

Non c’era il buffet all’evento: qualcuno  ne ha così maliziosamente  motivato l’assenza, certo che l’occasione era più che mai “ghiotta” per chi avesse voluto far tesoro di una esperienza che per quanto piccola, nella nostra regione, può fare la differenza non solo economica per tutti.

Siamo onesti, all’ombra del sant’Agostino la gente comincia a lamentarsi ed è ancora troppo preoccupata di esporsi.

Nessuno è felice di pagare le bollette esorbitanti (forse fra le più care d’Italia) a fronte di disservizi e emergenze certamente non dignitose di un paese civile.

Il meetup di Paola 2.0 ne è consapevole e continuerà a dar voce ai molti che non sono intervenuti. …ma che non rimarranno inascoltati!

Paola: Metti una domenica pomeriggio a parlare di “cose virtuose” ultima modifica: 2016-06-13T19:46:28+01:00 da Redazione
Redazione

About