Nonostante nell’area urbana permangano situazioni che vanno in controtendenza rispetto all’ordinanza recentemente diramata dal sindaco Basilio Ferrari, bisogna registrare il nuovo tentativo di porre un freno agli incendi boschivi e alla manutenzione delle aree incolte. Sebbene sussistano scenari nei quali finanche il codice della strada viene accantonato (si pensi all’innesto che da Via Nazionale conduce a Corso Cristoforo Colombo, dove in un sol colpo s’assiste a scene di “degrado da sterpaglia” e parcheggi nella corsia che dovrebbe servire ad innestare le macchine in direzione della SS18), il primo cittadino paolano è parso molto risoluto nell’emanazione di un dispositivo che – nei casi conclamati – potrebbe comportare effetti compresi sia dal diritto civile che da quello penale.

Nel tentativo di frenare l’odiosa pratica che, stagionalmente, deturpa il panorama montano alle spalle della città, il documento promulgato dal comune sancisce che «con l’approssimarsi delle condizioni climatiche della stagione estiva rende fortissimo il rischio di incendi boschivi e d’interfaccia, altamente pregiudizievoli per l’incolumità delle persone, dei beni e del patrimonio ambientali ; che l’abbandono e l’incuria da parte dei privati di taluni appezzamenti di terreno […] comporta un proliferare di vegetazione, rovi e sterpaglie che, per elevate temperature estive, possono essere causa predominante di incendi», ritenendo «necessario mantenere costantemente pulito e curare tutte le aree del territorio Comunale», il sindaco ha ordinato di vietare «l’accensione di fuochi in prossimità dei boschi, terreni agrari e/o cespugliati lungo le strade Comunali, Statali ricadenti nel territorio», intimando ai “proprietari e/o conduttori” di «effettuare i relativi interventi di pulizia a propria cura e spese dei terreni invasi da vegetazione».

Queste le disposizioni: «La sterpaglia, la vegetazione secca in genere presente, in prossimità di fabbricati ed in prossimità di lotti interclusi, di confini di proprietà, in tutte le aree libere all’interno del centro urbano, dovranno essere eliminati per una fascia di rispetto di lunghezza e non inferiore a mt. 50», «i predetti interventi di pulizia dovranno essere effettuati entro e non oltre il 15.06.2016, con avvertenza che in caso di inosservanza sarà facoltà di questo Comune, trascorso inutilmente il termine su indicato, provvedere a detta operazione addebitando le spese ai legittimi proprietari», «chiunque debba accendere il fuoco per la pulizia dei fondi, nei tempi e nei modi consentiti, dovrà preventivamente stabilire idonei mezzi di spegnimento, seguendo le prescrizioni impartite dall’Ispettorato Dipartimentale delle Foreste ed esercitando la sorveglianza necessaria fino a che ogni rischio sia scongiurato».

Paola: Prevenzione incendi, ordinanza del sindaco Basilio Ferrari ultima modifica: 2016-06-06T19:33:58+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.