Le strategie mediatiche con cui, le coalizioni in lizza per le prossime amministrative, stanno dandosi da fare per accattivarsi il placet dell’elettorato, oltre a riservare le mosse canoniche – ad esempio ieri sera Roberto Perrotta è stato in piazza del Popolo per il primo comizio nelle vesti di candidato a sindaco – ha anche una sua declinazione virtuale molto più accentuata rispetto al 2012.

Se cinque anni fa i social network sono stati utilizzati principalmente da coloro che avevano maggior dimestichezza con uno strumento che, comunque, in altre parti del mondo era già stato rivoltato come un calzino, in questo 2017 tutti stanno mostrando d’aver compreso la potenza del web.

Tra coloro che stanno distinguendosi per attivismo digitale, è da annoverare senz’altro il consigliere provinciale Di Natale, che dalla sua bacheca pare molto attento all’attualità cittadina.

Stesso discorso vale per i suoi compagni di coalizione perrottiani che, giorno dopo giorno, invitano a conoscere i propri candidati attraverso schede condivise sulla rete.

Ma anche nella sinistra più coriacea c’è chi si prodiga a spingere le ragioni per le quali sarebbe opportuno il voto per Enzo Limardi, mentre i sostenitori di Falbo condividono ogni aggiornamento relativo alla tabella di marcia degli incontri effettuati e da svolgersi.

Ancora non sono usciti ufficialmente allo scoperto i grillini, ma quando sarà il momento ci sarà senz’altro da aspettarsi un attacco degno della dimestichezza di cui per genesi dovrebbero essere vicari.

Nel centrodestra invece è il sindaco Ferrari a mostrare la sua presenza, con pubblicazioni costanti su ognuno dei profili di cui s’è dotato su Facebook.

«Lasciateci completare il nostro lavoro – si legge sulla bacheca di un utente identificabile col primo cittadino – purtroppo con 27 milioni e mezzo di euro di debiti, e tutte le emergenze che abbiamo trovato non abbiamo potuto portare a termine il nostro programma, abbiamo tracciato la strada realizzando tantissime cose , adesso dobbiamo completare il lavoro avviato in questi anni difficili». A seguire un elenco di cose avviate e da portare a termine, tra le quali si prospetta anche un nuovo «piano spiaggia, eliporto con collegamenti per le isole eolie, lorica e aeroporto di scalea con elicotteri o idrovolanti a basso costo», oltre che asfaltature e organizzazioni urbanistiche promesse già agli albori dell’amministrazione che s’avvia a concludersi.

Di questo passo sarà difficile evitare la ridondanza.

Paola – Campagna elettorale esorbitante sui social. Promessi gli idrovolanti ultima modifica: 2017-04-01T20:49:00+00:00 da Daniela Signoretti