Date le sue peculiarità, la Torre del Castello di Paola è uno dei simboli più pregnanti della città.

Onnipresente a tutte le elezioni amministrative, incastonato più o meno creativamente nei simboli delle liste che ogni quinquennio concorrono per la fascia tricolore, l’edificio è stato persino inserito nell’atlante dei “Monumenti Adottati”, grazie all’iniziativa dell’Istituto “Pizzini/Pisani”.

«La scuola – si legge nelle motivazioni del progetto che ha coinvolto 90 ragazzi – considerata l’importanza del monumento, intende prenderlo sotto la sua tutela spirituale per sottrarlo all’oblio e allo stato di degrado in cui versa. Per la sua posizione strategica – hanno aggiunto nella descrizione – ha rappresentato, in passato, un punto di riferimento di grande importanza per il controllo dei mari e la difesa del litorale tirrenico».

Ispirazione tangibile per molti artisti locali, la Torre del Castello di Paola è il corollario “civile” di un’identità che poco più a nord si riflette, religiosamente, nel Santuario.

Eppure, malgrado tutte le attenzioni tributate, la zona da cui si erge questo fiero baluardo della vita locale, è la coda di quel centro storico che s’è trovato a dover convivere con fenomeni di incuria, spesso determinati dalla presenza di cumuli di spazzatura indiscriminatamente accatastati contro i muraglioni della città vecchia.

E così, dopo aver ripulito l’ingresso di Via Baracche – che conduce direttamente alla Torre – è forse adesso giunto il tempo di nettare il suo sbocco naturale, perché tutt’intorno alla base del Castello la situazione è tale da non conciliarsi affatto con le dichiarazioni d’amore rivolte al monumento.

Immondizia d’ogni sorta è stata riversata al bordo della strada, in una quantità non indifferente persino ai guidatori, che con l’automobile devono praticamente considerare “occupata” una parte della carreggiata.

Non va meglio per i residenti, costretti ad inalare la puzza che si propaga. Senza considerare il ritorno d’immagine turistico.

Share Button
Paola – La Torre del Castello, simbolo della città, langue nel degrado ultima modifica: 2017-05-18T20:41:56+00:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista Pubblicista dall’agosto del 2013, mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.