La croce del “cantiere apertosul lungomare San Francesco di Paola, s’abbatte nuovamente sugli automobilisti.

Condizionati ad estenuanti “giri dell’oca” per via della penuria di parcheggi, i guidatori delle roventi utilitarie che quotidianamente popolano il tratto non più rettilineo di strada vicino alla battigia, saranno adesso esposti al rischio di multe salatissime e rimozioni forzate dei propri veicoli.

Si da infatti il caso che, dopo l’ammissione dell’ingegner Fabio Pavone, che stante l’ordinanza settoriale n.49 emanata dal comandante della polizia municipale lo scorso 22 luglio, ha assicurato «che effettivamente la segnaletica orizzontale è terminata in quel tratto di strada dove sono stati soppressi gli stalli di sosta e che si poteva addivenire ad una regolamentazione», tutti coloro che venissero “pizzicati” a parcheggiare (sul lato “monte”, ovvero la carreggiata di percorrenza sud-nord) nel tratto compreso tra «l’intersezione con Via dei Tirreni (Parco Giochi “Beniamino”) e l’intersezione con Via Strada Nuova del Porto (Rotatoria Centrale)» verranno pesantemente sanzionati.

Eccezion fatta per quelli che godono dei permessi necessari ad usufruire di un posteggio “autorizzato”, tutti gli altri incorreranno nella tagliola del carro attrezzi, con annessi costi ed esborsi da sommare alla sicura multa lasciata sul parabrezza.

L’ordinanza in questione è valida già da oltre due settimane e rende ancor più evidente una situazione descritta nello stesso atto deliberato dal comandante.

«Tenuto conto – si legge nel dispositivo a firma di Francesco Carnevale – che l’esecuzione di detti lavori (quelli per manutenere “straordinariamente” il lungomare, ndr) hanno già determinato su alcuni tratti del Lungomare San Francesco sia un restringimento sensibile della carreggiata quanto la perdita di numerosi stalli di sosta precedentemente esistenti ambo i lati; preso atto della nuova segnaletica realizzata dalla ditta esecutrice dei lavori sul tratto di strada compreso tra l’intersezione del Lungomare con Via dei Tirreni (Parco giochi “Beniamino”) e l’intersezione tra il Lungomare con Via Strada Nuova del Porto ha determinato la realizzazione di numero due corsie con doppio senso di circolazione come da progetto “Waterfront”; atteso che alla data odierna i lavori di che trattasi non sono stati ancora ultimati e nessuna richiesta di proroga è stata inviata dal Direttore dei Lavori (l’architetta Angela Maria Marcelli, ndr) in merito al divieto di sosta nella zona interessata; che comunque la strada è aperta al transito e si rende necessaria la sua regolamentazione […] per garantire il suddetto doppio senso di circolazione necessita istituire un divieto di sosta 0/24 con rimozione forzata sul lato monte direzione di marcia sud/nord del medesimo tratto di strada».

Scorrendo a ritroso il filo della memoria (e della cronaca) basti pensare che proprio la porzione presa in esame, è già stata teatro di uno scontro tra una macchina ed un ciclista, motivo per il quale è facile comprendere l’urgenza con la quale si è intervenuti.

In quel caso la tragedia fu evitata perché l’uomo a bordo della bici era un veterano delle due ruote, ma se il caso avesse voluto al suo posto un bambino alle prime armi, sicuramente gli esiti sarebbero stati diversi.

Per quanto riguarda i parcheggi “impossibili” da effettuare, un dato è certo: gli automobilisti, insieme ai gestori delle strutture ricettive nei pressi del divieto, avranno tanto da ringraziare a chi ha pensato a questa infrastruttura, realizzandola in termini estremamente diversi rispetto ai progetti presentati.

Share Button
Paola – Causa pista diventa ufficiale il divieto di sosta (con rimozione) ultima modifica: 2017-08-09T21:17:35+00:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista Pubblicista dall'agosto del 2013, mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.