Mentre s’avvicina inesorabile il terzo impegno consiliare del “Perrotta Ter”, che per l’importanza degli argomenti da affrontare può tranquillamente essere considerato il primo vero banco di prova per la maggioranza di governo, un’altra parte dell’attività amministrativa sta iniziando a prendere forma nell’aula “Lo Giudice”.

Si da infatti il caso che siano in via di definizione le commissioni deputate ad affrontare una discreta quantità di tematiche fondamentali per la vita cittadina.

Dalle pari opportunità alle questioni di altra natura, tante saranno le composizioni formate da personalità competenti, sempre collegate alle attività consiliari dalle quali non potranno comunque prescindere.

Le commissioni da istituire, deliberate nel corso del consiglio comunale che venne “funestato” dalle prese di posizione del duo moderato composto dall’ex primo cittadino, Basilio Ferrari, e dal “consigliere anziano” Antonio Lo Gatto, riguardano – oltre alle già citate “pari opportunità” – anche altre tematiche.

Nella mattinata dello scorso 14 luglio venne infatti deliberata la costituzione di raggruppamenti volti a regolamentare le “questioni elettorali” (con i consiglieri Francesco Aloia dell’Italia del Meridione, José Grupillo del Centro Democratico e Anna Anselmucci di Progetto Democratico, che in caso di indisponibilità saranno sostituiti da Barbara Sciammarella del Partito Democratico, Stefania Mirafiori di Liberamente per Paola e Maria Pia Serranò di Grande Paola), ma anche le faccende inerenti gli “Affari Generali-Istituzionali-Regolamenti” (in cui pare che il gruppo “Psi-Articolo1” intenda proporre l’avvocatessa Rosangela Cassano), quelle relative al “Bilancio” (mai convocata nel corso della passata gestione del centrodestra), la commissione riguardo i “Servizi Sociali-Pubblica Istruzione-Cultura”, quindi anche gli incarichi per “Territorio e Ambiente” e quelli per una “Rete solidale a tutela dei disabili” (dove in pole position potrebbero esserci Rosa Abramo, in predicato di un assessorato per molto tempo, e Pino Veltri, da sempre animatore di manifestazioni volte alla sensibilizzazione verso argomenti tesi a rappresentare le criticità delle categorie meno fortunate).

Di queste commissioni, nel passato amministrativo gestito da Basilio Ferrari, quella che figurò con più costanza e attivismo fu presieduta dall’avvocatessa Anna Perrotta, la quale – proprio per la competenza dimostrata nel corso degli ultimi cinque anni – probabilmente potrebbe tornare a comparire anche in questa nuova tornata.

Tra le tante manifestazioni organizzate si ricordano i vari simposi tenuti per sensibilizzare la cittadinanza contro la violenza sulle donne, con miriadi di scarpette rosse disposte in vari contesti (anche attorno alla statua dei caduti di Piazza IV Novembre), a memoria delle tante vittime di femminicidio che – malgrado i tam tam mediatici – non accennano a diminuire.

Anche la consigliere di minoranza Maria Pia Serranò ha mostrato la sua determinazione verso la tematica, e la presidenza dell’associazione “Radici contro la violenza” ne è la testimonianza.

Il lavoro delle commissioni serve proprio a fungere da anello di congiunzione tra le istanze della società civile e l’amministrazione comunale, armonizzando il lavoro condotto anche dalle associazioni virtuose su fronti che – escludendo bilancio ed elezioni – sono alla portata di tutti.

Con l’innesto di nuove compagini, è probabile che diverse criticità possano trovare una soluzione.

Share Button
Paola – Tutto pronto per istituire le Commissioni consiliari e quelle “esterne” ultima modifica: 2017-08-08T10:42:12+00:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista Pubblicista dall'agosto del 2013, mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.