A conferma che la zona periferica settentrionale di Sotterra versa ancora in uno stato di disagio notevole, dalle parti del municipio è stato diramato un atto che va verso le esigenze della popolazione residente di quel posto.

Riunita la giunta, con la sola assenza dell’avvocato Francesco De Cesare, il sindaco Roberto Perrotta – affiancato dal suo vice Antonio Cassano che ha proposto e fatto approvare il documento – ha stabilito che vengano esentati dai tributi comunali (Imu, Servizio Idrico e Tari) gli abitanti che vivono nella località San Michele-Sotterra, destinatari di un’ordinanza di sgombero a causa dello stato di criticità dell’area in cui vivevano.

Questo tipo di decisione, oltre che alleviare le sofferenze di tante famiglie colpite da un movimento franoso del terreno (ormai vecchio di quasi tre anni), mette in luce un diverso approccio amministrativo rispetto alla precedente gestione del centrodestra, la quale ha preferito concentrarsi su altri tipi di intervento (tipo le riasfaltature di strade non proprio malmesse nel centro urbano e, soprattutto, la “manutenzione straordinaria” da 300mila euro che ha interessato il lungomare lasciato incompleto), piuttosto che dedicarsi celermente alla messa in sicurezza di una delle contrade più popolose della città.

«Premesso che in data 08.02.2015 si è verificato mi movimento franoso alla via Sangineto della località S. Michele-Sotterra – si legge nella deliberazione votata all’unanimità dall’esecutivo – rendendo inagibili ed inabitabili alcuni edifici, esistenti in loco ed adibiti a civile abitazione, inagibili ed inabitabili; considerato che a seguito intervento dei Comando dei Vigili del Fuoco – distaccamento di Paola – con verbale del 08.02.2015, si è segnalato a questo Ente un dissesto idrogeologico in atto ed è stato richiesto di intraprendere le azioni del caso a tutela dell’incolumità dei cittadini; a seguito di quanto indicato nel comma precedente si è disposto lo sgombero dei fabbricati siti alla via Sangineto n. 3, n.6 e n. 7 e di dare idoneo ricovero ai cittadini residenti ed in particolare, la famiglia Occhiuzzi/Sansone veniva temporaneamente sistemata nella struttura ricettiva comunale “Ostello della Gioventù” gestita dalla ditta Vommaro Roberta di Paola […]Propone di dare atto che è volontà di questa Amministrazione procedere all’esenzione dell’imposta Imu a decorrere dal 01.02.2016 […]in quanto immobili inagibili ed inabitabili a seguito stato di criticità idrogeologica».

Quindi, per quanto concerne la famiglia in questione, ospitata nei locali gestiti dalla ditta che successivamente ha provveduto a lasciare l’attività di gestione dell’Ostello (attraverso una procedura che sarà chiarita prossimamente, perché sembra essersi consumata con una richiesta economica all’ente amministrato da Ferrari che, nell’aula “Lo Giudice”, vedeva seduto ai banchi della maggioranza un ex capogruppo sentimentalmente legato alla titolare), si può ben dire che l’ente municipale si è comportato da vera e propria “casa comune”, garantendo in una prima istanza l’ospitalità – di certo non esente da costi – e successivamente una condivisibile esenzione tributaria.

La speranza è che la zona in questione venga interessata da un intervento di risanamento.

Share Button
Paola – Esenti da tasse comunali abitanti zona Sotterra sotto smottamento ultima modifica: 2017-10-09T12:12:12+00:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista Pubblicista dall'agosto del 2013, mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.