Dando seguito a quanto annunciato in campagna elettorale, la maggioranza guidata da Roberto Perrotta ha attivato la procedura necessaria a sondare fattivamente la possibilità di captare l’acqua sorgiva del territorio comunale, in modo da soddisfare le esigenze idriche della città.

«Premesso che questa Amministrazione – si legge nell’atto firmato dal capo Utc, Ulisse Smeriglio – molto attenta alle esigenze dei cittadini, stante la prolungata siccità degli ultimi mesi, ha deciso di intraprendere alcune iniziative atte a fronteggiare l’emergenza idrica che si presenta soprattutto nella stagione estiva, determinata dai cambiamenti climatici, come dimostrano gli ultimi rapporti del CNR […] preso atto che sul nostro territorio si sta verificando una diminuzione della portata delle sorgenti, data la scarsità di piogge, tale da generare la problematica della carenza idrica ed il verificarsi di gravi disagi alla cittadinanza; viste le Ordinanze Sindacali n.28 del 07/06/2017 e n.31 del 21/06/2017 con le quali, riscontrate delle cospicue carenze idriche presso la sorgente “Carpinelle “ed i Serbatoi San Miceli, San Salvatore e Castagnelle, è stato regolamentato il flusso idrico nelle zone interessate, stabilendo un calendario di chiusura e apertura dell’erogazione dell’acqua, al fine di garantire una portata minima agli utenti interessati […]vista la Deliberazione della Giunta Comunale n.126 del 29/09/2017 con la quale è stata approvata la “Carta del servizio idrico” […] che si prefigge il miglioramento della qualità del servizio fornito ed il miglioramento del rapporto tra utenti e fornitori dei servizi; visto il preventivo di spesa della Società Ecotec […] relativo all’attività di individuazione e captazione di acqua potabile di n. 5 sorgenti e opere connesse […] preso atto che il succitato preventivo di spesa […] è quantificato in euro 15mila, oltre IVA al 22% […] Determina […] di affidare alla Società Ecotec […] le indagini ed attività propedeutiche per la fattibilità della realizzazione di n. 5 (cinque)opere di captazione delle sorgenti presenti sul nostro territorio prevalentemente montuoso, al fine di tutelare le esigenze dei cittadini e risolvere la problematica della carenza idrica».

Includendo l’Iva all’importo stanziato, con 18mila e 300 euro è altamente probabile che la città di Paola potrà dotarsi di una conduttura capace di non lasciare “a secco” tanti cittadini, che vivono un costante disagio.

Che sia anche un primo passo per svincolarsi dalla rete Sorical?

Share Button
Paola – Quasi 20mila€ a Ecotec per “studiare” come incanalare 5 sorgenti ultima modifica: 2017-11-10T12:36:25+00:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista Pubblicista dall’agosto del 2013, mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.