Riprendendo il filo di un discorso in itinere, il comune di Paola – capofila del Progetto “Sia” nell’ambito condiviso con Cetraro e altri sette comuni – ha dato avvio alla procedura comparativa per il “Conferimento di incarichi a valere sul Pon Inclusione – sostegno per l’inclusione attiva (Sia)”.

Grazie al lavoro condotto dall’assessore Francesco Città, delegato esecutivo alle “Politiche Sociali”, le direttrici lungo cui avviare il progetto hanno ripreso a snodarsi lungo un tracciato che a breve acquisirà consistenza tangibile.

Al Distretto del litorale tirrenico cosentino, sono state destinate risorse complessive per 1.352.528 euro nell’arco di tre anni, con i “Servizi Sociali” che incideranno per una voce di circa 440mila euro, funzionali a ridurre il disagio delle famiglie, per le quali saranno adottate misure di superamento della povertà che, dal soddisfacimento dei bisogni primari, avranno come scopo principale l’attivazione di progetti di inserimento lavorativo.

Ci saranno risorse (230mila euro) per l’accesso al credito e per l’accompagnamento “a tempo”, 130mila euro sono destinati ai tirocini extracurriculari, mentre 70mila euro serviranno per l’avvio di laboratori di impresa simulata e 30mila euro per l’avvio di laboratori di alfabetizzazione informatica.

Grande attenzione è stata posta anche ai servizi di mediazione familiare e finanziaria agli interventi di assistenza educativa domiciliare ed ai servizi educativi scolastici ed extra scolastici, ai quali sono state destinate risorse per 260mila euro.

Con la pubblicazione della determina n.29 dello scorso 5 marzo, le basi per il bando che da qui a fine mese dovrebbe essere emanato, sono state quindi gettate concretamente.

L’approvazione dell’avviso inerente la “selezione pubblica mediante procedura comparativa per il conferimento di incarichi a valere sul Pon inclusione – sostegno per l’inclusione attiva”, prevede la distribuzione di incarichi professionali utili a coinvolgere sei Assistenti Sociali; uno psicologo; un educatore professionale; un sociologo per il servizio di assistenza educativa e un mediatore familiare/finanziario.

Le sedi Municipali presso le quali si svolgeranno tali incarichi, sono quelle dei comuni di: Acquappesa; Bonifati; Cetraro; Falconara Albanese; Fuscaldo; Guardia Piemontese; Paola; Sangineto e San Lucido.

Gli incarichi avranno una durata coerente con il “Pon Inclusione”, vale a dire che per gli Assistenti Sociali, sarà pari a 150 giornate lavorative per il 2018 e 256 per il 2019 (costo unitario € 80,00 giornaliere, comprensive di tutti gli oneri sociali e fiscali e di eventuali spese di viaggio); per lo Psicologo, sarà pari a 140 giornate lavorative per il 2018 e 256 per il 2019 (costo unitario € 100,00 giornaliere, comprensive di tutti gli oneri sociali e fiscali e di eventuali spese di viaggio); per l’Educatore professionale, sarà pari a 150 giornate lavorative per il 2018 e 256 per il 2019 (costo unitario € 80,00 giornaliere, comprensive di tutti gli oneri sociali e fiscali e di eventuali spese di viaggio); per il Sociologo, sarà pari a 140 giornate lavorative per il 2018 e 256 per il 2019 (costo unitario € 100,00 giornaliere, comprensive di tutti gli oneri sociali e fiscali e di eventuali spese di viaggio); ed infine per il Mediatore familiare e finanziario, sarà pari a 150 giornate lavorative per il 2018 e 150 per il 2019 (costo unitario € 100,00 giornaliere, comprensive di tutti gli oneri sociali e fiscali e di eventuali spese di viaggio).

Paola – Politiche Sociali “battono un colpo”: ricerca di personale per il SIA ultima modifica: 2018-03-13T16:39:50+00:00 da Redazione
Redazione

About