Sono dovuti entrare dal balcone passando per la casa di un vicino, perché la porta blindata e le finestre serrate non hanno consentito un’altra modalità d’accesso agli agenti del Commissariato di Polizia di Paola che, dopo le chiamate allarmanti da parte di parenti e amici (preoccupati per il perdurare del silenzio della persona contattata), hanno trovato una donna riversa a faccia in giù nella sua camera da letto, con accanto alcune pillole e tutt’intorno flaconcini e boccette di medicinali vuoti (prevalentemente “ansiolitici”).

È presumibilmente in questo modo che appena l’altro ieri, una madre paolana aveva deciso di farla finita, forse ignara dell’attenzione dei conoscenti che, nei suoi riguardi, si sono immediatamente attivati riuscendo a scansare il peggio.

Perché la tempistica dei poliziotti è stata fondamentale per evitare conseguenze che, i sanitari del 118 prontamente accorsi, hanno scongiurato con il loro intervento.

La donna, malgrado lo stato in cui è stata ritrovata, presentava infatti segni di vita che gli agenti intervenuti sono riusciti a tenere stabili, favorendone il soccorso. La madre paolana si trova adesso ricoverata in rianimazione presso il nosocomio cetrarese “Iannelli” e le sue condizioni fisiche sarebbero già migliorate.

Paola – Tentato suicidio scongiurato dall’intervento della Polizia ultima modifica: 2018-04-10T08:16:19+00:00 da Redazione
Redazione

About