Il “dettaglio di cronaca”, riservato quest’oggi alla città di Paola nel corso della diretta televisiva del “Giro d’Italia”, trasmesso dalla Rai, ha indirizzato la presentazione della Città del Santo verso una dimensione tutt’altro che consona all’identità locale.

Perché, malgrado siano innegabili incidentali vicissitudini (come quella relativa alla cattura di un latitante di caratura mondiale che proprio a Paola aveva trovato nascondiglio), il biglietto da visita dell’intera comunità non può essere ridotto ad un singolo accadimento.

Quella proposta in Televisione, è pertanto un’immagine assai distorta della realtà quotidiana vissuta in questa parte di Calabria, di provincia cosentina che, attualmente, non ha alcun tipo di acuto statistico nel computo nazionale della criminalità organizzata o della malavita.

Se lo scopo della presentazione voleva sortire effetti sensazionalistici, il cronista avrebbe potuto attingere a piene mani da una miriade di fonti d’ispirazione di cui la più recente, solo per una quasi concomitanza cronologica, riguarda la festa Patronale del Santo che illumina l’intera Calabria, un riferimento che probabilmente avrebbe reso persino “sintetico” il tratteggio di una Città che affonda le sue radici in secoli di storia.

Solidarietà per l’accaduto è stata espressa sia dal Presidente della Provincia di Cosenza, Franco Iacucci, sia dal Presidente della Giunta Regionale, Gerardo Mario Oliverio, che si è detto disponibile ad agire “in danno” contro chi, in maniera deliberata e consapevole, ha gettato discredito su un’intera popolazione.

Paola – L’Amministrazione replica alla telecronaca del Giro e scrive alla Rai ultima modifica: 2018-05-12T08:38:20+00:00 da Redazione
Redazione

About