L’uomo che giorni fa era stato tradotto presso la casa circondariale di Deuda è stato trasferito ai domiciliari. Il quasi 40enne era stato arrestato per circa 200 grammi di sostanza stupefacente, con annesso bilancino di precisione e  attrezzatura utile al confezionamento, nonché per il ritrovamento di 2mila e 800 euro in un’abitazione che – benché fosse disabitata – è risultata nella sua disponibilità.

La misura cautelare, meno afflittiva rispetto a quella disposta in un primo tempo, si è probabilmente resa disponibile grazie al fatto che l’uomo è risultato essere incensurato. Il blitz che ha condotto al fermo dell’indiziato è stato messo a segno dai Carabinieri della locale compagnia di Paola che, agli ordini del Capitano Giordano Tognoni, sono giunti al risultato grazie ad un’attività di indagine tradizionale, fatta di pedinamenti e appostamenti.

Sempre per quanto concerne l’attività di controllo del territorio posta in essere dai Militari dell’Arma, è notizia di ieri l’arresto di due persone (un 42enne e un 24enne) accusati di aver occultato armi e droga in pertinenze risultate a loro ascrivibili.

I Carabinieri, sia quelli della caserma Achille Mazza che i colleghi della stazione di Guardia Piemontese, sono giunti a questo risultato dopo un’attività di indagine partita su impulso della Procura della Repubblica di Paola che, sotto la direzione di Pierpaolo Bruni, sta imprimendo una notevole stretta contro reati e comportamenti deviati che da tempo costituiscono l’ossatura della criminalità organizzata del Tirreno cosentino.

Stanti le prime indiscrezioni, le armi ritrovate risulterebbero prive di matricola (probabilmente due rivoltelle “sporche” utilizzate, si presume, per rapine o altri tipi di reato sia in territorio di Cetraro che altrove), mentre per ciò che ha riguardato il sequestro della droga, si tratterebbe di tre chili di marijuana.

Per questa ragione entrambi gli arrestati sarebbero stati posti in regime di misure cautelari che, per quanto riguarda il 43enne consistono nella misura della detenzione in carcere mentre per il più giovane, 24enne, in quella dei domiciliari. Stamane, presso il Tribunale di Paola, si terrà l’udienza di convalida per entrambi i fermi.

Paola: Domiciliari per l’arrestato nel centro storico. A Cetraro presi per armi ultima modifica: 2018-10-26T09:00:23+01:00 da Redazione
Redazione

About