Nella mattinata di ieri, a Fuscaldo, si è svolto il primo consiglio comunale successivo agli arresti e alle scarcerazioni del sindaco, Gianfranco Ramundo, del vice Paolo Cavaliere e dell’assessore Paolo Ercole Fuscaldo.

In un’atmosfera di calma apparente, il primo cittadino fuscaldese ha preso la parola per discutere di quanto accaduto, non lesinando ringraziamenti a quanti hanno testimoniato la propria vicinanza umana alle persone coinvolte nell’operazione “Merlino”, senza però dimenticare di stigmatizzare l’atteggiamento di coloro che già in note stampa precedenti aveva definito “sciacalli”.

«L’azione amministrativa va avanti – ha detto Gianfranco Ramundo – con maggior vigore e ancor più forza, perché ce lo stanno chiedendo le migliaia di concittadini che, in questi giorni, ci stanno dimostrando che la Fuscaldo vera, umana, perbene, giusta e saggia esiste ed è la stragrande maggioranza. Per questo motivo e per ciò che abbiamo realizzato in questi anni, con immani sacrifici e con alto senso di responsabilità, al nostro percorso di alto profilo non ci rinunciamo e andiamo avanti».

Quindi, senza nascondere «l’amarezza per una ingiustizia subita che segnato ma non demoralizzato», il sindaco ha ritenuto doveroso «ringraziare tutti coloro i quali ci sono stati vicini, con sincerità e con lealtà. Ringrazio i consiglieri comunali di maggioranza, i miei affetti, i miei collaboratori e tutti i miei concittadini che ci hanno fatto percepire sentimenti indescrivibili ed una stima ed una fiducia che ci hanno commossi. La mia è una gratitudine vera, nei confronti di un popolo che ha capito ciò che è successo, che non ha mai avuto un attimo di esitazione o di tentennamento verso la mia persona e verso l’operato dell’amministrazione. Testimonianze di profondo sostegno che hanno contribuito a darci la forza di andare avanti».

Quindi un passaggio sulle modalità di gestione delle misure cautelari adoperate nei suoi confronti, per le quali «resta, in ogni caso – ha confidato Ramundo – l’amarezza per una esperienza che mi ha violentato nei valori in cui ho sempre creduto e che ho sempre fatto miei: la legalità, l’onestà, la trasparenza. Valori che, da sindaco, ho sempre applicato all’interno del palazzo municipale. Non a caso, siamo qui, oggi, con orgoglio, anche perché la nostra coscienza, che è pulita e limpida, ci consente di continuare ad incarnare i veri valori della buona e sana amministrazione».

La parte finale del suo discorso, il primo cittadino fuscaldese l’ha riservata agli avversari e a certi organi di informazione assimilabili alla categoria “blog”, annunciando rospi dal “far digerire”.

«Non permetteremo a nessuna forza politica, a nessun avversario ed a nessun blog – è il concetto condiviso nell’aula consiliare – di offendere o di gettare fango sulla comunità, sulla sua nobile storia. Sotto questo aspetto, continueremo a far digerire parecchi rospi a chi ha tentato di strumentalizzare questa vicenda, al solo scopo di offuscare il nostro Paese e di bloccare un rilancio che è ormai sotto gli occhi di tutti. Perché ci sarà il tempo, ed arriverà presto, in cui spiegheremo cosa ha realmente rappresentato il sistema Fuscaldo. Un tempo che è galantuomo e che saprà offrire risposte e verità».

Malgrado questa invettiva, la minoranza non è apparsa per nulla intimorita, con il consigliere Andrea Filella del gruppo “Il Futuro che vogliamo”, che ha ribadito la richiesta di dimissioni, criticando l’atteggiamento e le «forme di trionfalismo, rispetto a concetti che spetterà ad altri organi giudicare».

Nel periodo in cui il comune è stato sotto amministrazione “commissariata”, il delegato prefettizio Roberto Micucci ha inteso interrompere i rapporti con la società “Elog”, gestita dagli imprenditori Francesco e Antonietta Caputo.

Fuscaldo – “Merlino”: Ramundo «violentato nei valori»; Filella «dimissioni» ultima modifica: 2018-11-27T18:12:07+00:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista Pubblicista dall'agosto del 2013, mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.