È stata siglata nella mattinata appena trascorsa, la Convenzione “definitiva” per la realizzazione dell’operazione denominata: “Potenziamento a 50.000 a.e. dell’impianto di depurazione in località Pantani a servizio dell’intero agglomerato. Completamento opere  fognarie di collettamento e potenziamento stazioni di sollevamento”.

Una stipula che vale 4milioni 275mila euro e che servirà a gettare le basi per soddisfare una richiesta superiore a più del doppio della risposta attuale.

Considerando che l’impianto di località Pantani è attualmente sufficiente per una popolazione di 27mila a.e. (per “abitante equivalente”, nell’ingegneria sanitaria, si intende “la quantità di sostanze organiche biodegradabili, derivate da un’utenza civile o assimilabile a questa, convogliate in fognatura nell’arco temporale di un giorno – 24 ore – cui corrisponde una richiesta biochimica di ossigeno a 5 giorni – 120 ore – pari a 60 grammi di O2 al giorno”), con l’intervento definitivamente finanziato si andrà a rispondere, in maniera efficace, a tutti i tipi di domande sorte nel corso degli anni, dalla salvaguardia ambientale al rilancio turistico, passando in rassegna una vasta gamma di bisogni da soddisfare sul territorio.

Ciò è stato possibile grazie al lavoro condotto in sordina dall’amministrazione, col sindaco Roberto Perrotta e l’assessore ai Lavori Pubblici, Emilio Mantuano, che nel corso dei mesi hanno intrattenuto una fitta e costante corrispondenza con gli uffici regionali, la Città di Paola potrà presto giovarsi di un servizio di depurazione all’avanguardia e – finalmente – capace di soddisfare standard qualitativi all’altezza delle direttive più recenti.

Il Responsabile Unico del Procedimento dell’operazione sarà l’ing. Fabio laccino, a capo del settore Tecnico del Comune di Paola, il quale avrà il compito di far rispettare una tabella di marcia che, successivamente al conferimento dell’incarico di progettazione e degli ulteriori servizi di architettura ed ingegneria, entro il 30 giugno prossimo prevede la “Redazione e approvazione progettazione esecutiva”, cui seguirà – entro il 31 dicembre 2019 – “l’Espletamento procedure d’appalto per lavori”.

Dopo questa fase propedeutica, entro il 30 giugno 2020 verranno consegnati i lavori che, necessariamente, dovranno essere eseguiti entro 30 giugno 2022 per essere “collaudati” entro il 31 dicembre dello stesso anno.

Entro la fine dell’anno del 2023 sarà poi espletato l’ultimo passaggio che consiste nella rendicontazione finale.

Paola: L’asse Perrotta&Mantuano porta in città 4,2mln di € per depurazione ultima modifica: 2018-11-08T11:53:34+00:00 da Redazione
Redazione

About