Dallo scorso sabato, giorno dell’ultimo consiglio comunale (clicca e leggi), le tappe di avvicinamento al ritorno nell’aula “lo Giudice”, sono state contraddistinte da una serie di incontri, riunioni della commissione preposta all’argomento riguardo all’unico punto rimasto da discutere, appuntamenti istituzionali e cerimonie in onore di chi si è distinto nella sua professione (di questo un servizio a parte, con video dell’attestato consegnato a Salvatore Longo).

È stata una settimana intensa, vissuta comunque nell’attenzione rivolta ai fatti di Fuscaldo, con un’amministrazione dilaniata dall’inchiesta della Procura della Repubblica di Paola che, con l’operazione “Merlino”, ha messo a segno una serie di arresti e applicato misure cautelari mitigate, in parte e solo dopo dieci giorni, dal Tribunale del Riesame di Catanzaro (perlomeno sul piano della detenzione inframuraria).

In buona sostanza è stato un momento convulso per tutta la comunità tirrenica cosentina.

Tuttavia, a Paola, dove è in corso una delicata operazione di assestamento finanziario (conseguente, comunque, alla gestione precedente), la discussione di un punto fondamentale per l’elaborazione di un bilancio comunale, s’è intrecciata inevitabilmente ai recenti fatti di cronaca.

Perché il presente è sempre conseguenza del passato.

Quindi oggi, dato che si parlerà di soldi, lo sguardo non potrà che non essere rivolto a quel periodo in cui a Paola stava cercando di impiantarsi il “Modello Reggio”, quella modalità amministrativa che nel pragmatismo decisionale del dissesto, con Basilio Ferrari, ha mosso il suo primo passo in comune.

Da lì, una serie di altre scelte, dalla “cacciata” della Smeco per affidare il Servizio Idrico Integrato alla scaleota “LaoPools” (poi interdetta per questioni di antimafia e, ad oggi, avversata in Tribunale per «danni morali e materiali»), fino all’annullamento del Piano Strutturale Comunale, reso strumento “effimero” al punto da aver procurato effetti notevoli su tutto il territorio cittadino, con l’edilizia a pagarne per prima le conseguenze.

A proposito di immobili, molto chiarificatore potrebbe risultare il contributo fornito in consiglio comunale dall’ingegner Pino D’Andrea, che dalla sua postazione – saldamente radicata tra i banchi della maggioranza – ha spiegato, una volta di più, quanto fuorviante sia stata la “campagna mediatica” indirizzata a focalizzare l’attenzione sull’Imu “agevolata” per i ricchi. Per l’esponente socialista, tale ricostruzione sarebbe categoricamente smentita dalla reale direzione intrapresa, consistente in un adeguamento funzionale a bilanciare lo squilibrio venutosi a creare con la precedente amministrazione comunale, che aveva posto al di sopra del 6‰ il tasso della somma delle aliquote, valore che adesso è stato ripristinato secondo i canoni della norma. Il tutto per smentire le informazioni erronee diffuse a mezzo stampa, preannunciando nei confronti dei consiglieri che hanno contribuito alla propagazione della notizia, che ci sarà modo per chiarire le faccende mal ricostruite, soprattutto quelle subdolamente indirizzate alla sua persona.

Alla necessità di sciogliere tutti i nodi provenienti dal passato, anche il sindaco Roberto Perrotta ha fatto riferimento, con un intervento che – nella “convulsa” settimana appena trascorsa – ha suscitato non poca curiosità in vista dell’appuntamento di oggi.

«Ancora, grazie a Dio – ha detto il primo cittadino nel corso dell’assise – se vediamo una macchina della Finanza, non ci impauriamo. Qualcun altro comincia ad avere paura. E fra poco arriveremo al bello della diretta».

Per tutto l’intervento, di seguito è proposto un video, nel quale il sindaco ha anche fatto presente, a certi altri consiglieri, che esiste un protocollo da rispettare soprattutto quando ci si rivolge a chi è nell’esercizio delle sue funzioni, a maggior ragione se si tratta di una donna.

L’appuntamento col consiglio comunale di oggi è fissato per le ore 17.00, con la diretta streaming disponibile sul canale “social” di Paola TV (clicca e vai).

Buona Visione

Paola – VIDEO – «Il bello della diretta» che (forse) fa paura a qualcuno ultima modifica: 2018-11-17T13:48:34+00:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista Pubblicista dall'agosto del 2013, mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.