derby delle grandi di calabria

A volte ritornano… i derby delle grandi di Calabria

Un tempo erano una consuetudine quasi dovuta, irrinunciabile croce e delizia di un popolo impregnato di smisurata passione. Tuttavia, man mano che il tempo trascorreva, con il ventennio 80/90 ormai alle spalle e i singoli destini che iniziavano ad intraprendere percorsi totalmente opposti (chi ascendeva al paradiso, chi tristemente sprofondava nell’inferno), diventarono una merce tanto rara da sfiorare la caduta inesorabile nell’oblio di chi, purtroppo, non li ha mai vissuti.
Ma quando, invece, anche l’ultima fiammella di speranza pareva essersi spenta definitivamente, ecco che accade quello che anche una fervida immaginazione difficilmente avrebbe potuto prevedere: una sale, una scende e una all’ultimo rimane.
Cosenza, Reggina, Catanzaro nello stesso campionato. Basta solo questo!
Ritornano i derby, e lo fanno con una prepotenza tale come se dovessero quasi chiedere scusa e ripagare tutti per questo lunghissimo periodo di assenza.
Dal prossimo torneo di Lega Pro, dunque, le tre più blasonate e seguite compagini calabresi daranno nuovamente vita a quelle che sono storicamente le sfide più sentite e intense della nostra regione e non solo e si fronteggeranno come un tempo nell’assalto alla serie B.
Le rivalità più accese e i motteggi da sempre più inneggiati; i tempi d’oro e le battaglie sul campo da gioco (non le ridicole guerriglie o le degradanti manifestazioni di violenza); le attesissime e spettacolari coreografie delle curve stracolme; le vittorie che valgono infinitamente di più e le sconfitte che bruciano come non mai; il campanilismo e la voglia di primeggiare sempre. Ci sarà di nuovo tutto questo.
Anche se può sembrare ragionevolmente assurdo pensare che l’amore per la propria squadra e la propria città sia sempre superiore a quello degli avversari, tuttavia, il bello dei derby, più che inogni altra partita, è proprio la costante ricerca di dimostrarlo. Non sono mai state, infatti, soltanto partite di calcio, ma, ogni volta, si è trattato di confronto vero e proprio tra città con una partecipazione generale sotto ogni punto di vista.
Pertanto, basterà aspettare giusto pochi mesi e si tornerà ad assaporare quelle sensazioni che solo tali eventi riescono a regalare e che già adesso sono il tema principale di molte delle conversazioni che si “intrattengono” per le strade cittadine.
Troppi racconti sono stati ascoltati e troppo lontani nel tempo, le immagini sbiadite, pur impresse indelebilmente, adesso potranno finalmente essere riposte nei giusti cassetti. E’ arrivato il momento di costruire nuovi ricordi!

Se poi a questo si aggiunge che nello stesso girone saranno presenti anche altre squadre prestigiose tra cui Salernitana, Foggia, Messina e in caso di sconfitta nella finale play-off anche il Lecce, allora anche la confezione diventerà perfetta.

Insomma,  i presupposti ci sono tutti affinché “a duminica” ritorni ad essere come un tempo “d’u pallu”.

About Redazione

Redazione

Check Also

sezione aia paola

Arbitri paolani conquistano traguardi prestigiosi e nazionali. Ecco le nomine

La Sezione AIA di Paola si presenterà ai nastri di partenza della nuova Stagione Sportiva …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: