macchinette

Picchiava il padre e la madre per i soldi delle macchinette

Il soldi da sperperare nelle slot machine non gli bastavano mai ed alle sue continue richieste i genitori hanno iniziato ad opporre un diniego sempre maggiore. Per questa ragione, un venticinquenne di Lamezia Terme ha iniziato ad estorcerglieli con la violenza.

I fatti: la pratica violenta durava da tempo e vedeva contrapposti da un lato due genitori e dall’altro un figlio dipendente dalle famigerate ” macchinette”. Costretti all’immobilismo dai comportamenti del ragazzo, che in più di una occasione ha calcato la mano contro la coppia di coniugi (rinchiudendo addirittura la madre in una stanza fino a che non gli avesse consegnato il denaro), padre e madre si sono stretti nel petto ed hanno sporto denuncia. L’andazzo è stato quindi interrotto dall’intervento della Polizia di Stato di Lamezia Terme che, in seguito alla denuncia di due genitori vessati e aggrediti dal proprio figlio, hanno provveduto ad allontanarlo dal nucleo familiare.

È una storia triste ma purtroppo comune a tante altre, una storia che – similmente a quelle condizionate da problemi di droga – vede da un lato genitori impotenti e dall’altro giovani senza più radici etiche, vittime di uno stile di vita impossibile. Nel caso del ragazzo lametino il problema è relativo alla dipendenza dalle famigerate macchinette, vere e proprie trappole per disoccupati e nullafacenti, che danno un senso al trascorrere sterile delle proprie giornate inveendo e sperando in un mondo bidimensionale spesso gestito dalla malavita.

About Redazione

Check Also

valentina gravina

Paola -Elezioni- Candidati: si presenta Valentina Gravina (Ciodaro sindaco)

Nota dell’aspirante consigliere comunale Candidata nella lista “Forza Paola Domani”, a sostegno della dottoressa Emira …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: