sabato , 29 Febbraio 2020

Omicidio Lanzino, il Dna non è di Sansone

dnaCOSENZA – Ancora un altro colpo di scena al processo Lanzino. “Il DNA estrapolato non è di Franco Sansone”. A sostenerlo, stamattina in aula, è l’avvocato della difesa Enzo Belvedere. L’avvocato infatti ha presentato una perizia tecnica di parte che scagionerebbe il suo assistito. Toccherà ora ai consulenti del tribunale e della Procura verificare la compatibilità presunta del DNA ritrovato con quello di Sansone. Oggi stesso, su decisione del Tribunale, sarà campionata la saliva di Franco Sansone per avviare la comparazione con il DNA ricavato dal liquido seminale isolato. Gli accertamenti previsti comprendono anche di estrapolare il DNA da parenti diretti di Luigi Carbone, scomparso, che avrebbe partecipato al delitto insieme a Sansone. Gli esperti di Messina hanno espresso forti perplessità, nel corso dell’udienza di stamattina, sui metodi seguiti nella prima parte delle indagini rispetto ai rilievi scientifici effettuati. L’ufficiale del Ris presente in aula ha definito «pessimi» i primi rilievi effettuati dopo il delitto per risalire ai possibili autori.

 

About Mafalda Meduri

Mafalda Meduri
Libera pensatrice, blogger ed indipendente essere umano

Check Also

corso dermatologia medico territoriale

Paola – Rinviato il primo Corso “La Dermatologia per il medico territoriale”

A seguito delle note vicende registrate a livello nazionale e mondiale, in relazione all’attuale situazione …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: