Sbarcati altri clandestini a Corigliano

CORIGLIANO CALABRO (CS) – Nel corso della scorsa notte sono sbarcati nel porto di Corigliano Calabro, a bordo del pattugliatore della Guardia Costiera “Bruno Gregoretti”, 505 clandestini provenienti da paesi del nord Africa e Medio Oriente.389 maschi e 42 donne, di cui 6 in stato interessante, sono stati smistati verso varie strutture di accoglienza presenti sul territorio nazionale. Inoltre 39 minori non accompagnati sono stati affidati al Sindaco del Comune di Corigliano Calabro. E’ al vaglio della Questura di Cosenza la posizione di 31 migranti di nazionalità marocchina, 2 di nazionalità egiziana e 2 di nazionalità gambiana, attualmente presenti all’interno del Commissariato di Polizia di Rossano nei confronti dei quali, non sussistendo i presupposti di legge richiesti per la permanenza sul territorio italiano, sarà emesso un provvedimento di respingimento del Questore, con intimazione a lasciare il territorio dello Stato.

Le operazioni di sbarco e smistamento degli stranieri, gestite dalla Questura di Cosenza ed opportunamente pianificate in sede di tavolo tecnico dal Prefetto di Cosenza, si sono protratte per l’intera notte ed hanno coinvolto circa 100 unità fra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Capitaneria di Porto, Protezione Civile e personale sanitario.

sbarco 2Dai primi controlli sanitari effettuati è stato accertato che le condizioni di salute sono complessivamente buone. Esprimo viva preoccupazione – ha dichiarato Geraci – perché si sta avverando quanto purtroppo temuto e manifestato già in occasione del primo sbarco, ottimamente gestito nei giorni scorsi con Prefettura, forze dell’ordine e volontari. Se confermata la notizia, sembrerebbe, infatti, essersi aperto ormai un varco incontrollato ed ingestibile verso il nostro Porto. Il che sarebbe una oggettiva iattura, non soltanto per Corigliano ma per l’intera Sibaritide. L’ente pubblico locale e la nostra comunità – continua il Sindaco – non possono e non potranno sostenere, da un punto di vista organizzativo, logistico, economico ed anche sociale il ripetersi di sbarchi di navi con cospicui carichi di migranti da accogliere e gestire attingendo alle già ridotte risorse residuate dallo Stato centrale ai comuni. E’ sotto gli occhi di tutti – va avanti – l’impossibilità quotidiana di gestire, sulla base delle scarse risorse economiche e di personale, finanche i servizi fondamentali per i residenti. E’ quindi necessario ed improcrastinabile – conclude il Sindaco – che il Governo centrale, raccordandosi con l’Unione Europea, ascolti ed accolga senza ritardi queste preoccupazioni autentiche e che rappresentano e condividono i sentimenti diffusi delle nostre popolazioni e dell’intero territorio”.

M.M.

 

About Mafalda Meduri

Libera pensatrice, blogger ed indipendente essere umano

Check Also

elezioni paola 2022

Paola – Il centrosinistra rompe gli indugi: via libera alla prima Coalizione

A Paola, parlare di “un” centrosinistra e di “un” centrodestra, mai come in questo momento, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: