In occasione della giornata delle donne e della celebrazione istituzionale tenutasi a Paola per l’evento, “Il Marsili Notizie” ha pubblicato una cronaca di quanto accaduto (CLICCA PER VEDERE IL VIDEO), dando risalto alle parole del sindaco Ferrari e alle dichiarazioni dell’assessore alle pari opportunità, Paolo Siciliano. In risposta alle loro affermazioni è intervenuto il circolo Arci “Piera Bruno” che, rivolgendosi in prima istanza al delegato di giunta, ne ha stigmatizzato il ragionamento.

Le sue parole sono un’offesa inaccettabile per tutte le donne, che quotidianamente lottano per la loro dignità tra mille ostacoli e difficoltà. Sgomenti gli abbiamo sentito dire pubblicamente, per di più in un evento dedicato ad una donna barbaramente uccisa, che “La donna subisce perché… vuole subire”. Riversare sulle donne stesse, sulla loro presunta connivenza con i carnefici di sempre, non solo i singoli uomini, ma lo stesso sistema di violenza creato dagli uomini, è quanto di più violento si potesse dire nei loro confronti. L’assessore colpisce due volte e ammazza due volte: le donne se la cercano e per di più “In tutte le manifestazioni lavorative…ormai la donna ha raggiunto livelli ‘esasperatamente’ alti”, ed infatti aggiunge “parlare ancora di raggiungere una parità di trattamento con l’uomo…mi sembra superfluo e fuori luogo, ormai da vent’anni anche più di vent’anni…”.

Espressioni che trasudano feroce maschilismo e disarmante arretratezza culturale, totalmente incompatibili con il ruolo che egli riveste.

Chieda scusa e ci spieghi a questo punto qual è il senso del suo assessorato. E chieda scusa anche il sindaco che alla domanda sull’assenza di quote rosa in giunta risponde che le donne “evidentemente hanno preferito occuparsi di altro”, ridicolizzando la loro assenza che è invece assenza di strumenti di partecipazione e di praticabilità politica, cioè assenza di democrazia.

Un otto marzo nefasto per il nostro paese, in cui l’Amministrazione ha violato il significato profondo di una festa che parla di impegno, di lotta e di dignità riducendola ad una farsa casalinga, in cui le donne, come nella presunzione di chi commette le peggiori violenze domestiche, sono la causa dei loro stessi mali. Si dimetta l’assessore e lasci l’incarico a chi della sua maggioranza, se non per levatura politica almeno per sensibilità personale, non esponga le donne all’ennesimo pubblico ludibrio.

Domani verrà pubblicato il video con l’intervista nella quale l’assessore ha tentato di rettificare quanto detto l’otto Marzo, cercando di chiarire il senso del suo ragionamento.

Paola – L’Arci chiede le dimissioni dell’assessore Siciliano [BUFERA SULLE PARI OPPORTUNITÀ] ultima modifica: 2015-03-12T00:39:37+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.