Al termine delle analisi svolte dall’Arpacal, la balneazione del mare – nel tratto di costa paolano – sembrerebbe aver passato discretamente il test. Un’unica zona non ha superato i controlli degli addetti, e per essa è stato necessario disporre un divieto di balneazione temporaneo che, il sindaco Ferrari, ha cristallizzato in un’ordinanza dello scorso 16 luglio.

In tale documento si legge: «Vista la missiva della Regione Calabria Dipartimento Politiche dell’Ambiente -Settore 2, Catanzaro, acquisita al Protocollo col n.0062363 del 26/02/2015, avente come oggetto: Notifica decreto n.1130 del 22/02/2015 avente ad oggetto: “Classificazione ai sensi del D.Lgs 116/2008 e del Decreto Interministeriale del 30/03/2010 delle acque marine destinate alla balneazione per la stagione 2014” […] Visti i risultati del monitoraggio delle acque di balneazione effettuati nell’anno 2015 dall’Arpacal e trasmessi con note del 12/06/2015 prot.n.20948,del 15/06/2015 prot.n.21102 e del 09/07/2015 prot.n.24593; […] per il Comune di Paola è risultato, all’ultimo controllo, non idoneo alla balneazione temporanea nel seguente tratto di costa: 200 mt. SX Canale Prospiciente Depuratore […] A delimitazione del predetto tratto di costa vietato alla balneazione dovrà essere apposto tempestivamente ed a cura del Settore Tecnico Manutentivo di questo Ente, il cartello recante la scritta: “Divieto di balneazione”».

Divieto di balneazione Paola – Interdetta una sola zona ultima modifica: 2015-07-20T12:46:31+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.