Analisi-Bioquality-LaoPools

I dati del laboratorio cui si è rivolta la Lao Pools. Disponibili in comune dal 25 Novembre

Basilio Ferrari sarebbe stato a conoscenza dei dati “allarmanti” emersi durante i controlli della Lao Pools precedenti a quelli dei Nas dei Carabinieri. Questo è il dato che emergerebbe incrociando le date delle analisi (23 Novembre, protocollate il 25) con quelli dell’ordinanza (27 Novembre), un lasso temporale di quattro giorni nei quali – grazie alla prova documentale ottenuta dai consiglieri di minoranza Ollio e Gravina – l’acqua cittadina riportava valori duecento volte sopra la norma per otto dei nove punti di prelievo analizzati (ad eccezione del serbatoio di Tenimento dove il dato emerso era “solo” 165 volte superiore).

Come mai quest’attesa?

Se lo sono chiesti in tanti, soprattutto il consigliere provinciale Graziano Di Natale, il più celere ad avviarsi sulla strada dei riscontri “ufficiali” ed il primo a diramare i catastrofici numeri registrati dall’Asp di Cosenza.

Il video che segue tenta un’estrema sintesi della concitata conferenza stampa (divenuta una vera e propria “assemblea pubblica”) durante la quale i cittadini si sono interfacciati alla questione.

L’ acqua non potabile a Paola fa paura, nonostante qualcuno si ostini a risparmiare il fiato lamentando “procurati allarmi”. Si pensi a tutte quelle persone immunodepresse o immunosoppresse (generalmente ammalate di patologie tra le quali quelle tumorali), si pensi ai bambini, alle donne incinta, agli anziani. Si pensi. Ma forse a Paola si è smesso di farlo.

Buona Visione

Acqua non potabile a Paola – Il sindaco “sapeva” i dati? [VIDEO con i timori dei Cittadini] ultima modifica: 2015-12-03T12:12:57+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.