fabio pavone

Paola – Giallo scuola S.Agata (lavori diretti da “Lady Sbircia”)

Pompamagnavano” la storia di un finanziamento per ristrutturare la scuola di Sant’Agata e invece, a quanto pare, i soldi per terminare i lavori sarebbero già “precari”.

Ripercorrendo le tappe dei lavori pubblici posti in essere all’istituto che ospita la scuola materna ed elementare quasi dirimpetto ad uno dei centri commerciali più frequentati della città, ciò che emerge ha tutti i contorni del “giallo”.

Dopo il bando per l’assegnazione del posto di “direttore dei lavori”, ottenuto – grazie ad un ribasso – dallo studio “RTP” capitanato dall’architetta Angela Maria Marcelli (già autrice del restauro del baldacchino di San Francesco sull’omonimo Arco nel centro città), moglie dell’ex candidato Grande Sud noto in città con lo pseudonimo “Sbirciapaola”, all’anagrafe Luigi Colella (direttore dei lavori a Largo Sette Canali e autore della frase: “Disabile è chi non sa vivere, a loro dev’essere inibito qualsiasi accesso”), la quale per tale mansione percepirà un onorario di «19.268,57 oltre cassa e IVA, ripartiti fra i tecnici soprarichiamati in base all’Atto»; la notizia più recente riguarda un verbale redatto il 13 Maggio scorso (3 giorni fa) a seguito di un incontro “rappresentanti dei genitori e insegnanti” dei bambini frequentanti la scuola, nel quale – sul finire – si legge:  «Dopo una riunione al comune, da contratto, finiranno il piano superiore (sempre se ci sono risorse finanziarie disponibili), per il piano terra non ci sono attualmente risorse finanziarie aggiuntive, (né tantomeno è nel capitolato!)».

Dopo i dubbi relativi al pagamento anticipato (guarda caso sempre alla stessa Angela Maria Marcelli, sulla stampa soprannominata “Lady Sbircia” ) di 9.434,36 euro – che con iva ed oneri arrivano a €11.970,43 – per un’opera ancora sprovvista dei fondi per la realizzazione (leggasi  “lavori di manutenzione straordinaria e realizzazione del nuovo Water Front”, dei cui 300mila euro per la realizzazione ancora non v’è traccia), pare quantomeno lecito chiedersi se anche in questo caso sia stato affidato l’ennesimo incarico senza avere la certezza “preventiva” di poter concludere i lavori.

Sebbene l’ing. Fabio Pavone (reggente “temporaneo” dell’Utc paolano) abbia firmato una determina in cui si legge che a tali lavori si farà fronte «con il finanziamento concesso dalla Regione Calabria per mezzo del fondo statale […] con i lavori e relativa copertura finanziaria prevista nel bilancio pluriennale 2015/2017 – annualità 2015 – sul capitolato di spesa 2109/101», il giallo riguardo quanto verbalizzato dopo l’incontro “rappresentanti dei genitori e insegnanti” dello scorso 13 Maggio, s’infittisce. Perché sussisterebbe un contrasto stridente tra la “relativa copertura” e le “risorse disponibili” messe in dubbio da qualcuno in municipio.

Ovviamente ci si attende qualche chiarimento da chi di dovere, perché nei mesi scorsi – su tante bacheche virtuali dedite alla reclamizzazione delle iniziative amministrative di questa maggioranza – era tutto uno strombazzare di un successo finalmente a portata di mano. Nel frattempo c’è chi continua a “macinare” incarichi (giustamente pagabili e, in certi casi, già anticipatamente retribuiti).

About Francesco Frangella

Francesco Frangella
Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

manifesti mortuari paola

Paola – Infamia contro un cittadino: affissi manifesti mortuari ma lui è vivo

Parlare di “scherzo” non è proprio possibile, perché quando si va a commettere un’azione che …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: