francesco cosentino

Paola – Aiutiamo Checco a Vivere! (per farlo basta un click)

Sin dal momento in cui se n’è iniziato a parlare “diffusamente”, la consistenza dell’informazione relativa alle modalità d’aiuto per il giovanissimo paolano con problemi di salute che attualmente è in uno stato d’attesa a Roma, è divenuta sempre più tangibile.

Se nell’ultimo aggiornamento relativo a questa vicenda era stato possibile indicare un luogo “fisico” nel quale poter riversare ogni forma concreta di solidarietà, con l’iniziativa posta in essere sulla piattaforma digitale “Buonacausa.org” , è divenuto possibile contribuire alla velocità di un click.

Intervenendo di persona, la mamma del piccolo Checco (vezzeggiativo del nome Francesco) è scesa direttamente in campo per chiedere aiuto. Lo ha fatto con un messaggio lieve e discreto, che di seguito è riportato integralmente.

«Mi chiamo Giovanna Lo Bianco, sono una mamma calabrese disperata per il proprio bimbo di 9 anni in attesa di un nuovo trapianto di cuore. Checco al momento è in terapia intensiva e chiediamo un aiuto per poter continuare a stargli vicino.  E’ una situazione disperata perchè non abbiamo disponibilità per continuare a stare a Roma a causa della nostra modesta condizione economica. Se potete dateci una mano, basta un piccolo aiuto per consentirci di stargli vicino in attesa del nostro miracolo. Grazie di cuore a quanti avranno la possibilità di aiutarci in questa avventura che, grazie al vostro contributo, ci consentirà di viverla in modo dignitoso. Grazie a tutti, soprattutto a chi non ha la possibilità di contribuire ed a chi vive situazioni simili alla nostra».

Il link diretto per accedere alla pagina cui questo testo si riferisce, è disponibile cliccando QUI.

About Francesco Frangella

Francesco Frangella
Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

cosmo de matteis

Covid-19 – De Matteis: «Riprendere attività specialistica ambulatoriale»

Urge riprendere l’attività specialistica ambulatoriale. È questa la richiesta pressante di molti medici di base. …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: