Il Cimitero di Paola, frequentatissimo tanto in estate quanto nei periodi di vacanza invernali – per via dei tanti congiunti emigrati che fanno ritorno – sembra non essere più quel “luogo sicuro” nel quale i morti possono riposare in pace. Dopo le cronache riservate ad atti di vandalismo perpetrati contro alcuni loculi, l’attualità parla di un nuovo fenomeno criminoso, talmente increscioso da non avere spiegazioni. Stante ciò che è stato possibile appurare dalla testimonianza di alcuni malcapitati, pare che presso il Campo Santo sia operativa un’attività volta al “furto” dei fasci floreali posti dinnanzi alle tombe. Indipendentemente dal loro valore economico, quei “tributi” profumati rappresentano il pensiero rivolto a chi non c’è più, sono l’attestato di un Amore che non può più essere manifestato fisicamente, un sentimento la cui profanazione è tra gli atti più ignobili che si possano commettere. Forse sarebbe necessario dotare la struttura con un apparato di videosorveglianza.

Paola – Vergogna infinita, ora si vanno a rubare i fiori dai loculi del cimitero ultima modifica: 2016-08-28T12:23:49+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.