Nella speranza che sia confermata l’indiscrezione riguardo l’avvio di lavori funzionali al ripristino del guasto, a quanto pare iniziati nella mattinata inoltrata di oggi (19.09.2016), si da cronaca di un evento col quale – per molti giorni – si è convissuto alla Marina di Paola.

Una tubatura che, scorrendo sotterranea, trasporta l’acqua potabile nelle case dei residenti della Marina, s’è rotta nella tarda serata di mercoledì scorso a Paola (14.09.2016). Dal momento del guasto, migliaia di ettolitri del liquido che più d’ogni altro i paolani sanno quanto costa, stanno riversandosi in una delle traverse di quel dedalo meraviglioso e suggestivo che conferisce alla città il tocco di una vocazione “marinara”. Tra i palazzi di un mini centro storico “decentrato”, l’attenzione dell’amministrazione Ferrari sembra essersi smarrita. Persa tra le ore d’attesa che una famiglia ha dovuto sopportare per vedersi liberare la casa dall’invadente presenza di un cane randagio che non voleva saperne di uscire, confusa tra le versioni fornite ai residenti del vico appaiato a Via San Leonardo, disperati nell’apprendere che non si può intervenire sulla rottura di un tubo, in quanto sembrerebbe che dei topi abbiano rosicchiato i cavi elettrici di un escavatore e quindi non si può aprire la strada prima di martedì (in realtà sarebbero intervenuti già oggi, 19.09.2016). Come se non fosse possibile munirsi di martello pneumatico e piccone per fare quello che gli antichi hanno sempre fatto, ovvero risolvere un problema ad un contribuente della società. Ma a Paola succede anche questo, e ancora l’altro ieri – ieri e oggi fino a mattina inoltrata – l’acqua che i cittadini pagano a peso d’oro, è sgorgata sterilmente dalla fessura apertasi in un asfalto che andrà, anch’esso, a risentire degli effetti di cotanta “irrigazione”. Così come potrebbe verificarsi l’eventualità che, sempre insinuandosi in ogni pertugio a sua disposizione, “la sorgente” sia andata a toccare le fondamenta dei palazzi immediatamente nei pressi, causando magari piccoli smottamenti sotterranei tali da creare il vuoto attorno alla base degli edifici. D’altronde, come dimostrano le voragini che ciclicamente si aprono lungo la discesa della stazione, quel terreno tanto “stabile” potrebbe non essere. Come se non bastasse la minaccia alla casa, a questi cittadini è mancato finanche il servizio. Perché le abitazioni site ad un livello superiore al piano terra, non hanno acqua che sgorghi dai rubinetti, per la pressione persa a causa della perdita su strada. Eppure, c’è voluto stamattina per mettere mano alla questione. Chissà a chi arriverà la bolletta?

Segue un mini documentario realizzato nei giorni a cavallo tra venerdì (16.09.2016) e la mattinata di oggi (19.09.2016).

Buona Visione

Paola – La Marina “irrigata” con acqua potabile – VIDEO ultima modifica: 2016-09-19T21:15:39+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.