Sulle tavole del palcoscenico dell’Istituto Pizzini, foglie d’edera e d’acanto hanno incorniciato l’evento del “Libriamoci”, iniziativa promossa dal Miur per accostare gli alunni al piacere dei testi, sulla tematica Amore-Follia, affrontata a partire dagli spunti de “L’Orlando Furioso” di Ludovico Ariosto. All’evento, diretto dalla dirigente dott.ssa Alisia Arturi e dal dipartimento di lettere, hanno partecipato personalità del mondo della medicina narrativa e della criminologia, Loredana Nigri e Sergio Caruso, che hanno esposto la parabola ascensionale dell’amore scolpita in varie forme, dalla seduzione alla passionalità furente e furiosa. Il tutto avvolto dal ritmo incalzante della musica delle fisarmoniche e dei balletti, interpretati dagli studenti. Occasione, questa, anche per trasferire negli alunni consapevolezza dell’importanza della lettura come strumento funzionale a superare le difficoltà insite nell’età adolescenziale.  «Nutritevi di pagine – ha detto la dott.ssa Nigri – i libri sono magici, ali di Pegaso per raggiungere traguardi alti». Significativi gli interventi degli alunni che hanno dibattuto la tematica con cognizione di causa e domande pertinenti, che hanno scaturito risposte come «l’amore non è follia e non si nutre di violenza – sollecito che il criminologo Sergio Caruso ha allargato alla – capacità di strutturare sentimenti in modo equilibrato e sensato. Non esiste l’amore malato esiste solo l’amore che rende liberi». Così, l’appello, a chiusura manifestazione, è stato rivolto proprio agli studenti ad essere attenti e circospetti a leggere ed interpretare ogni sorta di atteggiamento che sia irrispettoso e lesivo della dignità e della persona umana.

Paola – Al “Pizzini-Pisani” l’Amore “si impara” con l’Orlando Furioso ultima modifica: 2016-10-27T18:27:35+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.