maurizio mallamaci

San Lucido – L’esecutivo di Pizzuti prende atto del reintegro di Mallamaci

L’amministrazione comunale di San Lucido, nella sua veste amministrativa, ha preso atto della sentenza pronunciata in favore del dipendente Maurizio Mallamaci, ingiustamente licenziato con un atto dell’esecutivo e successivamente reintegrato su disposizione del giudice. I fatti risalgono a poco tempo fa e sono perlopiù noti all’opinione pubblica affezionata a questa testata, sintetizzandoli brevemente coincidono con una decisione sbagliata e, a detta dell’avvocato Edoardo Stefano (che ha difeso il lavoratore), «assunta da un organo incompetente», e tutta la successiva trafila giudiziaria conclusasi con l’affermazione del diritto del dipendente.

Con un atto a firma del sindaco Roberto Pizzuti, i quattro quinti della giunta comunale di San Lucido (con la sola assenza dell’assessore Albanese), hanno ratificato la «”Presa atto della Sentenza del Giudice del Lavoro del 16/09/2016 e contestuale reintegro sul posto di lavoro“».

L’esecutivo sanlucidano, riconoscendo i rilevamenti della corte, è come se avesse implicitamente aperto le porte a tutte le conseguenze che – a cascata – andranno a sommarsi a questa prima retromarcia. Si consideri infatti l’eventualità del danno erariale che andrà ad abbattersi sulle casse del comune nel momento in cui, proprio a Mallamaci, dovrà essere corrisposto lo stipendio dell’intera annualità passata senza poter lavorare. Senza contare le spese legali che, considerando l’esito del processo, saranno a totale carico del comune e, di conseguenza, andranno a gravare sul bilancio “pubblico” rimpolpato coi soldi dei cittadini. Se a questo poi si dovesse aggiungere l’ulteriore esposizione alla querela “per falso” che Mallamaci e il suo legale hanno annunciato di voler propugnare, allora ci sono tutti gli estremi per ipotizzare una vera e propria débâcle, che rischia seriamente di minare il percorso amministrativo dell’attuale maggioranza di governo, già condizionata dal rigetto che la sezione regionale della Corte dei Conti ha opposto al piano di riequilibrio finanziario dell’ente amministrato dal dottor Roberto Pizzuti.

Questa, in sintesi, è la formula con l’esecutivo sanlucidano ha preso atto della situazione: «Considerato che non si ha motivo di dubitare della buona fede del ricorrente, questa amministrazione ritiene di dover dare esecuzione alla sentenza testé citata, ritenendo prioritario e urgente ricostituire il rapporto di lavoro con il Sig. Mallamaci Maurizio», dichiarando la deliberazione «immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134 comma 4 D.Lgs. 267/2000». Il dipendente torna alle sue mansioni dunque.

About Francesco Frangella

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

graziano di natale

Piano regionale assunzione personale, Di Natale: 《che fine hanno fatto i 12 milioni di €?》

“Che fine hanno fatto i 12 milioni di euro previsti per la regione, dal decreto …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: