lungomare paola

Paola – Presentato il lungomare (waterfront) di matrice “Ferrariana” – VIDEO

La conferenza stampa tenuta dal sindaco Ferrari, dall’architetta Angela Maria Marcelli e dall’ingegner Fabio Pavone, è servita a presentare l’iniziativa infrastrutturale che verrà posta in essere sul lungomare cittadino.

Alla presenza di almeno tre consiglieri di maggioranza e dei tre quarti restanti dell’esecutivo (era assente solo l’assessore all’urbanistica Paolo Siciliano), il primo cittadino e i tecnici già remunerati per il progetto, hanno commentato delle immagini (seguite alla proiezione di un video) che dovrebbero rappresentare l’idea che prenderà corpo da qui a breve.

Come infatti ha enfatizzato il sindaco, i lavori sono stati già consegnati alla ditta che s’è aggiudicata la gara d’appalto (la Scutieri Costruzioni Srl di Catanzaro) e, tempo permettendo, dovrebbero essere eseguiti entro sei mesi a partire dall’inizio della settimana che sta per concludersi.

Tralasciando l’aspetto “politico”, diffusamente dibattuto nel corso del lunghissimo monologo di Ferrari e utile perlopiù a ripresentare la solita gara col passato gestito dal suo predecessore, la parte residuale riservata agli aspetti tecnici e a quelli propriamente economici è stata trattata con discutibile vaghezza, per nulla chiarita dalle risposte alle domande poste da questa testata al momento opportuno.

Ad esempio, per quanto concerne i soldi che verranno utilizzati per finanziare i lavori, il sindaco ha glissato dicendo che «mi è difficile rispondere dal punto di vista tecnico perché io non sono né segretario, né responsabile della ragioneria».

A questo punto, essendo stato tirato in ballo il garante amministrativo dell’ente, la domanda dovrebbe essere posta direttamente a lui che, in qualità di responsabile del settore finanziario, ha dato il via libera alla determina n.134 del 24 ottobre scorso con cui, la giunta, sembra aver collegato i lavori per la realizzazione della pista ciclabile ai proventi derivanti dall’alienazione del patrimonio comunale, con voci in entrata e in uscita che hanno la medesima cifra (249.745,89 euro). Essendo Nicola Falcone il segretario, probabilmente lui saprà come mai il sindaco ha detto che «il modo di coprire i lavori di questo tipo, come sanno anche altri imprenditori che hanno lavorato su Paola e hanno realizzato questa e tante altre opere: o finanziamenti europei o risorse proprie. Risorse proprie sono quelle che ad esempio ci hanno consentito di restaurare l’Arco di San Francesco, di rifare la sede stradale per decine di chilometri e ristrutturazioni proprie, sono risorse di bilancio in questo caso legate alla Bucalossi, ad esempio. Tra l’altro la destinazione, per legge, della Bucalossi, è proprio per interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione».

Il segretario quindi, che avrà sicuramente contezza della consistenza delle risorse della Bucalossi, e che senz’altro sarà a conoscenza del fatto che il bene alienabile che il comune considera proprio patrimonio, non è stato ancora venduto (l’asta è già andata deserta una prima volta e si è prefigurato un rilancio con correzioni economiche del 20% rispetto ai 230.950,87 euro iniziali), dovrebbe a questo punto spiegare se il progetto sarà pagato interamente con la Bucalossi o se quest’ultima sarà utilizzata per rimpinguare le carenze che deriveranno dalla vendita ribassata del bene messo in conto.

In entrambi i casi, comunque, sull’albo pretorio non esistono documenti attestanti questa variazione. Sugli aspetti più propriamente materiali, legati ad esempio al carico e scarico delle merci per i lidi, le risposte fornite sono contenute nella video sintesi che segue. Repliche che comunque non hanno fugato i dubbi proposti e che – riguardo un singolare aspetto riservato ai disabili su Largo Sette Canali – verranno approfonditi con la pubblicazione di domani. Senza dimenticare un quesito che si coglie l’occasione di proporre con l’articolo: “Ma durante i festeggiamenti del IV Maggio, gli ambulanti che si occupano della vendita di cibo, dove si metteranno?“.

Per il momento si pubblica il video nel quale risulta evidente (nonostante la riduzione dell’intera spiegazione a 46 secondi) il contrasto con un dettaglio che invece è stato diramato in una nota ufficiale. Qualora non fosse comprensibile, domani sarà spiegato.

Buona Visione

 

About Francesco Frangella

Francesco Frangella
Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

rete dei beni comuni paola

Paola – Cambiamento in minoranza: Giuliana Cassano (RBC) si dimette

La consigliere capogruppo del movimento politico culturale “Rete dei Beni Comuni” (RBC), Giuliana Cassano, subentrata …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: