Il faro di Piano Torre, l’Arco di San Francesco, il rudere del Castello che sovrasta il rione Motta, una “R” maiuscola imbardata nel tricolore e un intrico di foglie su cui campeggia l’acronimo “DC”, sono i simboli sui cui è strutturato “Progetto Democratico”, coalizione di liste in appoggio al candidato a sindaco Pino Falbo.

Nello specifico si tratta di “Azione Democratica”, frangia elettorale che dovrebbe racchiudere i riformisti di quel Pd che scioglierà ufficialmente ogni riserva a partire dal 29 gennaio e che – probabilmente – convergerà in una direzione diversa da quella della minoranza capitanata da Domenico (Mimmo) Scagliola, cui segue “Prospettiva Comune”, movimento politico al cui timone è posto Emilio Pastore, affiancato dall’ex consigliere ed assessore comunitario (nonché caposquadra dei Vigili del Fuoco paolani) Antonio (Totonno) D’Angelo, segue poi – in posizione centrale – “Paola che Vorrei”, associazione nata sulla scorta di una precedente esperienza “social” messa in campo dai grillini ed oggi guidata da Francesco Sarpa (ex organizer del meetup “Paola a 5 Stelle” ed ex componente di una lista Udc che, nel 2012, si candidò al consiglio comunale in appoggio a Basilio Ferrari), per quanto concerne “I Riformatori”, penultima casella del frontespizio, si tratta del partito che fa capo a Piero Lamberti e che sorge dalle ceneri dell’esperienza socialdemocratica, infine c’è “Democrazia in Comune”, raggruppamento che dovrebbe convogliare le ambizioni di Giuseppe Maddalena, noto in città per l’attivismo messo in campo con l’Anpana Oepa.

Intervenuti congiuntamente per esprimere una prima e netta posizione riguardo un tema caldo che sicuramente andrà a costituire il fulcro di tanti argomenti della prossima campagna elettorale, ovvero: la sanità.

«Che succede al reparto di Ortopedia di Paola? – si domandano i componenti della coalizione del centrosinistra alternativo perlomeno a Roberto Perrotta – Siamo fortemente preoccupati per la situazione che si vive all’interno del reparto di Ortopedia dell’Unità Operativa di Paola, dove si sta assistendo ad una continua ed ingiustificata spoliazione delle necessarie figure professionali qualificate. La preoccupazione è dettata dalla oggettiva difficoltà, causata dalla spoliazione di cui sopra, che potrebbe inficiare l’attività di quel reparto, specie nel cercare di mantenere degli standard tali da consentire l’efficienza a cui ci siamo abituati nel corso degli anni. Tale difficoltà, come è ovvio, ricadrebbe su una utenza proveniente non solo dall’Asp provinciale ma anche da altre ASP considerato che al 31/12 sono stati ben 959 gli interventi chirurgici eseguiti. I fatti parlano chiaro. Ad oggi il reparto è retto dal primario e da soli altri due medici che garantiscono le attività di urgenza, chirurgica, assistenza ai degenti, oltre all’attività ambulatoriale. Ovviamente è inutile sottolineare che il carico di lavoro è tale da imporre importanti carichi di turnazione. Al contrario, di quanto succede in quello di Paola, in altri presidi ospedalieri dell’ASP di Cosenza, pur avendo UO di Ortopedia non attive, e comunque con carichi di lavoro abbondantemente inferiori, si registra la presenza di quattro medici che vengono utilizzati soltanto per le attività ambulatoriali e consulenza al Pronto Soccorso. Auspichiamo che il Direttore Generale provveda in tempi brevi ad una diversa organizzazione del personale che tenga conto delle reali necessità dei territori ma soprattutto delle attività messe in campo dalle Unità Operative operanti. Da parte nostra continueremo ad essere vigili per non consentire l’arretramento di reparti di eccellenza quali quello dell’UO di Ortopedia di Paola per scelte che paiono incomprensibili ai più. Chiederemo, quindi in questi giorni, al Direttore Generale di essere ricevuti per avere delucidazioni in merito».

Dopo una serie di comunicati generali, Progetto Democratico entra quindi nel merito dei problemi particolari avvertiti con maggior pressione dalla cittadinanza paolana.

Paola – Pino Falbo inizia a muoversi e con la coalizione irrompe sulla Sanità ultima modifica: 2017-01-21T12:37:51+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.