Per capire l’efficacia del servizio con cui, da qui a breve, gli automobilisti paolani dovranno necessariamente rapportarsi, è stato necessario chiedere lumi all’assessore all’urbanistica, l’avvocato Paolo Siciliano che – nella confortevole location del suo studio – è stato disponibile ad entrare nei dettagli del  progetto relativo alle strisce blu che in varie zone della città hanno iniziato a fare la loro comparsa.

«Quello della gestione dei parcheggi a pagamento – ha esordito il delegato esecutivo in quota al Pri – insieme al Psc è stato uno degli aspetti prioritari sui quali ho cercato di indirizzare la mia visione amministrativa. Partendo dalla necessità di coniugare un servizio capace di rispondere alle esigenze del comune (con l’utilizzo di lavoratori esclusivamente paolani, ndr) e, contemporaneamente, in grado di essere gestito attraverso le modalità più all’avanguardia, abbiamo cercato di prendere a modello le realtà virtuose che già sono state poste in essere in altri contesti. Da qui è nata una richiesta che nel bando d’affidamento del servizio è stata cristallizzata in maniera molto chiara, una domanda alla quale i partecipanti hanno cercato di rispondere nella maniera più adeguata e che, alla fine, ha premiato la proposta della società che se lo è aggiudicato».

Continuando ad adoperare la prima persona plurale, Paolo Siciliano ha enfatizzato la concertazione celata dietro il risultato ottenuto, frutto di un lavoro sinergico condotto tanto con gli uffici preposti, quanto con i caposettore che – con i loro spunti – hanno contribuito a rendere la ricerca a misura della città di Paola.

«L’aspetto sul quale ci siamo concentrati – ha proseguito l’assessore – ha riguardato una serie di migliorie da appaiare alla mera gestione degli stalli, questioni come l’arredamento urbano (che la ditta appaltatrice contribuirà ad allestire laddove necessario, ndr), l’installazione della segnaletica orizzontale e quella verticale, nonché la disponibilità a contribuire economicamente o mediante la messa a disposizione del personale dipendente, nei momenti di maggiore stress per la gestione del traffico cittadino (come ad esempio i giorni della festa patronale, periodo nel quale la Beta Consulting Srl sarà disponibile a fornire un sostegno finanziario per la gestione delle aree di sosta diverse dalle strisce blu o, in alternativa, a consentire l’opera dei propri lavoratori proprio nelle aree che verranno individuate come funzionali a parcheggiare le vetture delle migliaia di avventori, ndr)».

Parlando della quantità di posti a pagamento che il comune ha concesso alla ditta affidataria, l’assessore Siciliano ha spiegato che il numero dei posti è salito proprio per garantire al comune un introito sicuro dal quale poter attingere risorse per servizi pubblici.

«Abbiamo pensato di stabilire un costo per ogni posteggio – ha detto il membro dell’esecutivo – di modo che fosse garantita un’entrata certa per le casse municipali, somma che saranno implementata dalle eventuali contravvenzioni comminate dalle quali nessuna percentuale verrà stornata. Alla ditta andrà il prezzo del posteggio, cosa che incentiverà il controllo delle infrazioni e che, nelle nostre previsioni, dovrebbe prevenire la dispersione di risorse». Per quanto riguarda l’appendice al “redatto contratto” recentemente balzata agli onori della cronaca, Siciliano ha spiegato che – oltre ad essere legittima – si è resa «necessaria per il risparmio che rappresenta per le casse dell’ente, che risparmierà circa quattro euro per l’invio di ogni contravvenzione. È una questione che è stata aggiunta successivamente proprio per non farla diventare discriminante rispetto all’offerta di coloro che non disponevano di questo servizio».

Paola – Strisce Blu, l’assessore Paolo Siciliano (Pri) spiega il servizio ultima modifica: 2017-02-26T09:50:47+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.