A prescindere dalla necessità di una bonifica – certificata da un’ordinanza che ha disposto la rimozione dei rifiuti sparsi indiscriminatamente in molte zone – a partire dall’altro ieri dovrebbe essere iniziato un nuovo corso sul fronte della raccolta differenziata.

Almeno questa è l’idea sorta in coloro che, ieri, navigando sulla rete, si sono trovati dinnanzi ad album fotografici che documentavano l’opera di ripulitura effettuata lungo alcuni assi viari.

L’argomento inerente il degrado, sui social network, è di quelli che incontrano la sensibilità civica e identitaria della popolazione e, per questo, ognuno partecipa cercando di cogliere ogni particolare.

Consapevoli che l’intervento di bonifica è un extra rispetto al contratto pattuito con la ditta che effettua il servizio della nettezza urbana, molti hanno aguzzato la vista, col desiderio di vedere quello che in realtà le fotografie condivise hanno reso benissimo. I ragazzi in tuta bianca, i padri di famiglia al lavoro in collaborazione con il nucleo ambientale dei vigili urbani e i volontari dell’Anpana Oepa, a loro volta affiancati da personale amministrativo di “Ecologia Oggi”.

Immagini che, da tempo, molti paolani speravano di vedere, perché documentanti un’attenzione necessaria al territorio e al sociale del comune.

Eppure, in mezzo a tanta armonia, il pulmino sullo sfondo di molte foto è uno di quelli che un tempo effettuavano un servizio di trasporto urbano per Paola. Vederlo in un’altra veste, per di più al servizio di una causa diametralmente opposta rispetto alla precedente, ha fatto stringere il cuore a più di uno.

Anche perché se il comune, oltre a dover investire un extra per lo straordinario della ditta, deve metterci un veicolo con autista, pare proprio che il patto sia estremamente svantaggioso per le casse pubbliche.

Paola – Un minibus “ex trasporto urbano” per fare bonifica dell’immondizia ultima modifica: 2017-02-19T11:19:08+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.