lungomare di paola

Paola: Insuccesso asta Casalinelle costringe a trovare altri € per waterfront

Continuare ad azzeccare previsioni, è un’opera che alla lunga potrebbe indurre a perdere interesse nell’azione amministrativa che costantemente viene rendicontata sulle pagine di questo giornale.

Tuttavia, datosi che l’argomento in questione è di quelli che maggiormente incidono nella vita cittadina, perché riguarda una delle porzioni di territorio urbano più frequentate, è necessario dover tornare sull’opera di restyling posta in essere sul lungomare e sulle forme di finanziamento dei lavori funzionali alla creazione di un “waterfront” capace di ospitare la più reclamizzata pista ciclabile della Calabria.

Ebbene, centrando il pronostico espresso su queste colonne ormai tanti mesi fa, i soldi per pagare la ditta catanzarese che sta procedendo spedita alla demolizione di tutte le parti allestite a suo tempo da Roberto Perrotta, non saranno resi disponibili dalla vendita della scuola “Casalinelle”.

Malgrado le cifre fossero state incasellate in una  «Variazione al bilancio di previsione 2016/2018» – dove era stata inserita la voce per la «realizzazione pista ciclabile» associata ad una spesa “in uscita” di 249.745,89 euro, collegati ad una voce “in entrata” dello stesso importo, relativa ai «proventi da alienazione del patrimonio comunale» – era parso evidente sin da subito che non si trattava di un’operazione seguita secondo crismi accademici della buona amministrazione.

Perché oltre a considerare acquisito un introito incerto (rivelatosi poi “inesistente” perché l’asta per la vendita della scuola, dopo corposi ribassi, è andata sempre deserta), la procedura adoperata non si sposava nemmeno coi criteri dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, che a chiare lettere vieta la possibilità di iniziare lavori che non abbiano la necessaria copertura finanziaria.

Pertanto l’amministrazione Ferrari, a lavori in corso, ha deciso di cambiare strategia e, certificando l’impossibilità di procedere al pagamento dell’opera mediante la procedura individuata in precedenza, se n’è uscita con una determina di giunta che ha praticamente stravolto il quadro finanziario legato alla sua realizzazione.

Nella delibera votata all’unanimità dall’esecutivo, sottoscritta da Basilio Ferrari, Francesco Sbano, Dario Gaetano, Stefano Mannarino, Paolo Siciliano e Marco Cupello, è stato deciso di modificare la forma dei finanziamenti per realizzare l’opera.

Ratificando l’infruttuosità dell’alienazione della scuola Casalinelle, gli amministratori hanno ravvisato «la necessità di trovare diversa copertura finanziaria», nelle seguenti azioni: «Riscossione in conto residuo sul cap. di bilancio n. 4035/1 “Proventi Derivanti da Concessioni Edilizie e dalle Sanzioni Previste dalla Disciplina Urbanistica” per euro 23.768,69; Riscossione in competenza sul cap. di bilancio n. 4035/1 “Proventi Derivanti da Concessioni Edilizie e dalle Sanzioni Previste dalla Disciplina Urbanistica” per euro 38.888,51; Comunicazione del responsabile del procedimento settore 2 – Geom. Antonio Caruso di incamero Oneri Concessori, per euro 29.934,38; Aggiudicazione gara per l’assegnazione di un immobile sito nel territorio comunale per euro 15.600,00; Determinazione del settore 2° Ufficio Tecnico n. 23 del 31/03/2017, recante oggetto Presa d’atto Importo Oneri Concessori ai sensi della L. 10/1977 e del D.P.R. 380/2011 e loro ss.mm.ii. da riscuotere per euro 173.605,15».

Messe insieme tutte le voci viene fuori un totale di 281.796,73 euro coi quali, a questo punto, l’opera dovrebbe definitivamente essere realizzata. O no?

About Francesco Frangella

Francesco Frangella
Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

cosmo de matteis

Paola – De Matteis: «tutto il mondo vaccina dove può. Da noi si polemizza»

Numerose polemiche sono sorte, in questi giorni, in merito alla scelta della scuola di Tenimento …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: