lungomare paola

Paola – Speciale Lungomare: il Demanio chiede chiarimenti sui lavori

I lavori posti in essere sul lungomare cittadino, oltre a suscitare l’attenzione della popolazione e le perplessità politiche della minoranza, sono finiti sotto al vaglio dell’Agenzia Regionale del Demanio.

Con una lettera indirizzata al Comune di Paola, e (per conoscenza) all’Ufficio Circomare di Cetraro, alla Capitaneria di Porto di Vibo Valentia Marina, alla Prefettura di Cosenza, alla Procura della Repubblica di Paola e alla Regione Calabria, il responsabile dei Servizi Territoriali della provincia di Cosenza, ha diffidato l’ente amministrato da Basilio Ferrari a fornire chiarimenti in merito all’iter seguito per dare avvio ai lavori che stanno ridisegnando il lungomare cittadino al punto che già iniziano a scorgersene i cambiamenti (soprattutto sul fronte del ridimensionamento delle aree di parcheggio per le macchine).

Questo il testo della missiva spedita dall’Agenzia del Demanio: «Oggetto: Comune di Paola (CS) – Strada Lungomare e Pertinenze – Lavori per realizzazione di pista ciclabile. Con la nota in epigrafe emarginata, codesto Ente trasmetteva notizie relative ai lavori per la realizzazione della pista ciclabile inerenti la strada lungomare di Paola, precedentemente oggetto di corrispondenza n. 7459 del 29/12/2016 da parte dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Cetraro. Preso atto di quanto comunicato da codesto Ente con la marginata nota, si rappresenta quanto segue. Nel primo punto, relativamente ai canoni pregressi, codesto Ente segnala che, oltre alla CDM del 29/11/2016, “..in riferimento all’asse viario (…) esistono altre concessioni demaniali rilasciate..”, ma, nulla viene indicato in merito alle entrate demaniali, né risultano indicati gli estremi delle concessioni e con essi i dati salienti (intestatari, oggetto, durata, ect.) Pertanto si chiede di trasmettere copia dei titoli vigenti relativi all’intero asse, indicando le attività di carattere gestorio intraprese da codesta Amministrazione a tutela dei profili erariali, relativamente all’intero periodo di competenza. In particolare, vorrà codesto ente specificare se siano state determinate, richieste e corrisposte le somme dovute come Entrate Demaniali (Canoni e/o Indennizzi), trasmettendo copia dei conteggi e delle quietanze di versamento. Nel secondo punto, poi, in riferimento alle lavorazioni di realizzazione della pista ciclabile, codesto Ente dichiara che le opere sono “…di facile rimozione e non comportano la formazione né di volumi, né di nuove superfici di occupazione (se una variazione di quest’ultimo o per la quale è  stata rilasciata apposita concessione demaniale )”. Ciò posto, vista la contraddittorietà dell’affermazione sopra riportata, si invita codesto Ente ad attestare se l’intervento in corso interessi o meno opere inamovibili già realizzate e, in ogni caso, specificare la natura (facile o difficile rimozione) delle opere in conformità a quanto indicato nelle circolari ministeriali n,53/1962 del Ministero della Marina Mercantile n. 120/2001 del Ministero dei Trasporti e della Navigazione e n. 22/2009 de Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, trasmettendo alla scrivente l’esito di tale accertamento. In particolare, atteso che l’asse viario esistente costituisce un’opera di difficile rimozione, si chiede di chiarire se la C.D.M. n.201 del 29/11/2016 interessi direttamente il lungomare già esistente, ovvero se si tratti di interventi su aree distinte. Si rammenta al riguardo che, ai sensi dell’art. 13 del R. d.CDN, qualora gli interventi su Demanio Marittimo riguardino impianti di difficile rimozione, l’Ente gestore deve richiedere, tra gli altri, il parere di questa Direzione Regionale per i profili dominicali, con la conseguenza che, il titolo rilasciato dall’Ente gestore privo del dovuto parere di competenza di questa Direzione è da considerarsi nullo. Da ultimo, si rappresenta che agli atti di questo Ufficio non si rinviene copia della concessione rilasciata da codesto Ente, Rep. N. 3 del 19/02/2008, che pertanto viene richiesta, con la presente, completa dei relativi elaborati e pareri rilasciati da tutti gli Organi interessati. Si resta in attesa di riscontro. Distinti saluti».

L’intervento dell’Agenzia del Demanio è stato comunque anticipato da un intervento dell’Ufficio Circondariale Marittimo che, in merito, ha anch’esso avviato una corrispondenza al Municipio.

About Francesco Frangella

Francesco Frangella
Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

usca paola

Paola – Per Rete dei Beni Comuni l’Uscatc così com’è non va

Nota del movimento politico-culturale “Rete dei Beni Comuni” (RBC), rappresentato nel Consiglio Comunale di Paola …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: