Ad un giorno  dal convegno che l’associazione “Amici del Cuore di Paola – Onlus”, ha organizzato riguardo le malattie cardiovascolari, Gianni Spinella – presidente emerito di “Conacuore” (organizzazione di associazioni di volontariato) – ha anticipato le ragioni della sua presenza e del suo intervento.

«Ho vissuto e lavorato a Paola – ha detto il relatore – oltre 40 anni addietro. Ci ritorno ogni anno, mi confronto, parlo con parenti e cittadini. Da quanto mi risulta, continua ad emergere la domanda dei cittadini sul perché un grande complesso ospedaliero non corrisponda alle attese, soprattutto su patologie quali quelle cardiovascolari. C’è un pronto soccorso, c’è un reparto di cardiologia, ma bisogna rifugiarsi “altrove”. Inoltre, malgrado l’intenso lavoro del Sodalizio di volontariato paolano, latita ancora nella coscienza della gente quella serie di comportamenti che si possono riassumere nell’espressione “cultura mediterranea”: complessiva prevenzione utile a guadagnare salute. A Paola è carente, altresì, nelle scuole della prima infanzia, quella prevenzione capace di evitare il sovrappeso infantile e la consequenziale obesità negli anni a seguire. Sarebbe auspicabile avere una sanità decente coniugata ad una cultura della salute, intesa a risparmiare sofferenze e risorse».

 

Paola – Ad un giorno dal convegno, gli Amici del Cuore invocano “prevenzione” ultima modifica: 2017-09-15T10:13:47+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.