Archiviato il primo dei due appuntamenti organizzati per sensibilizzare la cittadinanza riguardo le modalità d’approccio al mondo animale “urbanizzato”, l’associazione Zampe in Salvo (ZiS) si proietta verso l’immediato futuro che, con al fianco l’amministrazione comunale, potrebbe riservare non poche e positive sorprese per i residenti non umani della città.

Reduci da un’ottima iniziativa volta al contenimento del fenomeno legato al randagismo, con sterilizzazioni “di gruppo” già messe a segno sulla maggior parte delle cagne femmine che gironzolano in città insieme ai branchi di loro simili, i volontari di “ZiS” si sono offerti di fornire tutte le spiegazioni necessarie a comprendere quanto sia “normale” riuscire a convivere civilmente con gli amici a quattro zampe.

Per favorire la familiarizzazione con le istanze presentate, i componenti dell’associazione hanno anche dato vita ad un’iniziativa virtuosa, denominata “Lotto con ZiS”, una vera e propria lotteria con diversi premi messi in palio, che da qui alla giornata del 3 dicembre si spera possa essere partecipata da una buona fetta di cittadinanza.

Il tutto per divulgare nozioni fondamentali e finanziare le attività comuni, tra le quali – secondo indiscrezioni – ci sarebbe anche quella di istituire una vera e propria area protetta in campagna, una sorta di territorio recintato dove rieducare piccoli drappelli di cani indisciplinati, quelli che difficilmente riescono ad integrarsi nella realtà urbana senza arrecare fastidi ai residenti dei vari quartieri scelti come ambito stanziale.

Restando in tema di amici pelosi, dalle parti del S. Agostino sono stati resi noti i costi sostenuti ultimamente per ciò che ha riguardato lo smaltimento delle carcasse d’animali rinvenute sul territorio comunale, e la spesa per il trattamento delle deiezioni canine, tutte operazioni condotte dalla società che gestisce il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti.

All’indirizzo di Ecologia Oggi sono stati quindi destinati 427 euro per l’intervento di «recupero e smaltimento carcassa di cane sulla ss 18 – Località Petraro di questo Comune», mentre altri 3mila 196,16 euro sono stati liquidati per il «prelievo, svuotamento e trasporto rifiuti di deiezioni canine» in un periodo compreso tra febbraio e luglio di quest’anno, con quei “circa50 cestini da trattare che sono anche diminuiti di numero e presenze sul territorio comunale.

Mentre ZiS sensibilizza, il comune autorizza (pagamenti) per ambiti animali ultima modifica: 2017-11-09T13:02:02+01:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.