Nella mattinata di ieri, presso il Tribunale di Paola, si è svolta – rigorosamente a porte chiuse – un’altra udienza del processo che vede imputato un uomo di Diamante, accusato di maltrattamenti aggravati nei confronti della moglie e degli stessi figli.

La seduta, in cui era prevista l’audizione dei figli minori dell’uomo, si è trasformata in un’occasione di aspro confronto tra il legale dell’imputato e le rappresentanti dell’associazione “La Ginestra“, che non essendosi costituite a processo, sono state invitate ad abbandonare l’aula dalla corte, la quale ha accolto la richiesta del difensore Francesco Liserre.

«Pur potendosi costituire nel processo, nei termini e nei modi di legge – ha fatto notare l’avvocato Liserre riferendosi all’associazione “La Ginestra” – non l’ha fatto e, finora, la sua presenza in aula accanto alle vittime del reato, è stata tollerata solo per mera cortesia. Pertanto, trattandosi di un processo celebrato a porte chiuse, per come espressamente richiesto dall’avvocato Marilyn Silvestri, difensore della costituita parte civile, l’associazione non può, per alcun motivo, essere ammessa a restare in aula, non avendo alcun diritto e dovere di intervenire, per come espressamente previsto dalla legge».

Proprio Marilyn Silvestri, patrocinante di “parte civile”, è comunque una rappresentante dell’associazione in questione e, malgrado l’allontanamento della presidente Teresa Sposato, rimarrà al fianco dei suoi assistiti.

Momenti di tensione dunque, che però non hanno impedito lo svolgimento dell’udienza, nella quale i minori sono stati ascoltati alla presenza delle altre parti e della psicologa, consulente della difesa, dottoressa Pievaioli.

Prossimo appuntamento: 18 aprile per l’audizione di altri testi del Pm e della consulente Pievaioli.

Paola – Processo a padre diamantese accusato di sevizie: tensione in aula ultima modifica: 2019-03-15T10:39:45+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.