Curiosa situazione quella che si è verificata sul sito ufficiale del Comune di Paola, dove – alla ricerca dei dati elettorali emersi dopo la recente tornata di elezioni europee (disponibili a questo link) – ci si può imbattere nei collegamenti da cui è possibile raggiungere la modulistica per accedere ai bandi dei locali nella Casa del Popolo (1 e 2), tra i quali compare un riferimento recante il nome di ERRATA CORRIGE .

Ovviamente, essendo tanto evidenziato e messo al primo posto della lista allegata, il link in questione ha attirato immediatamente la curiosità di quanti (già ingolositi dalla possibilità di fittare locali in un posto esclusivo ad un prezzo irrisorio) si sono imbattuti nella sua comparsa in elenco.

Ebbene, l’allegato che si apre una volta cliccato sul testo, reca in sé una “giustificazione” al «mero errore di trascrizione» commesso in fase di redazione del “disciplinare” del bando stesso.

Lo sbaglio di cui si parla in entrambe le ERRATE CORRIGI pubblicate su ambo le pagine dedicate ai locali da mettere in fitto, uno accessibile da Piazza IV Novembre e l’altro con l’ingresso affacciato su Piazza del Popolo, è stato compiuto nella dicitura: “Deposito cauzionale bando di gara per l’affidamento in concessione della gestione di un’area comunale e per l’istallazione di un chiosco destinato alla somministrazione di alimenti e bevande all’interno del Parco Europa”.

Un chiaro segno di “copia e incolla” da un altro documento, effettuato lasciando scorrere il cursore lungo le righe di un atto “passato” con cui, la cittadinanza, ha già preso familiarità, relativo all’affidamento in gestione di uno spazio su cui oggi troneggiano gonfiabili che rendono felici i più piccini.

Data probabilmente la compatibilità d’argomento, ovvero la concessione a privati di pezzi di patrimonio cittadino, al trascrittore “meramente distratto” sarà sfuggito quel particolare, forse perché tanto simile, nelle intenzioni, a quello che ormai pare animare l’atteggiamento “concessionario” dell’amministrazione comunale guidata da Roberto Perrotta.

Il congruo mensile che dal Sant’Agostino hanno ritenuto di dover richiedere per l’uso di quei locali, oscilla dai 350€ per il pian terreno che affaccia su Piazza IV Novembre, ai 450€ per il primo piano col vano scala e l’accesso da Piazza del Popolo. Un vero affare, al quale chiunque sia dotato dei requisiti richiesti, può accedere come accaduto – appunto – per Parco Europa, dove però si somministrano alimenti e bevande che nei locali della Casa del Popolo dovrebbero invece esser banditi. Eh già, perché una delle “esclusività” a cui il bando fa riferimento, riguarda l’impossibilità di mettere in piedi attività “fotocopia” a quelle già presenti.

Comunque, menomale che il lapsus da cui si è originata l’ERRATA CORRIGE non sia stato ispirato da altri tipi di atti simili, immaginate cosa sarebbe potuto accadere se il trascrittore “meramente distratto” fosse stato attirato dalla “via sperimentale” con cui è stato affidato l’Ostello della Gioventù, ai piani 3° 4° e 5° del centralissimo “Palazzo Scorza” (anche sede della Biblioteca Comunale). In quella circostanza il Comune, anziché 350 e 450 euro “sicuri”, avrebbe potuto contare soltanto sul 7,68% degli incassi mensili realizzati da ciascuna attività che andrà ad insediarsi in quei locali della gloriosa Casa del Popolo.

A proposito, i “depositi cauzionali” provvisori richiesti dal “disciplinare di gara”, consistono in 648 euro per l’unità immobiliare sita in Piazza del Popolo – censita in catasto al foglio di mappa n. 17, mappale n. 400 sub 1; e 504 euro per l’unità immobiliare sita in Piazza del Popolo – censita in catasto al foglio di mappa n. 17, mappale n. 400 sub 2.

Nel frattempo, si resta in attesa della pubblicazione dell’ERRATA CORRIGE anche sull’albo pretorio.

Rettifiche e cauzioni nel “copia/incolla” sulla Casa (che fu) del Popolo ultima modifica: 2019-05-29T22:47:22+02:00 da Giampiero Delpresepe
Giampiero Delpresepe

About 

Autore "collettivo", nominato caporedattore della Testata on-line Marsili Notizie, mi occupo dello scibile in generale, con particolare attenzione alla Politica.