A distanza di meno di un mese, giunge finalmente la notizia che in tanti aspettavano: il giovanissimo paolano investito a Guardia Piemontese, nei pressi dello stabilimento delle Terme Luigiane, è fuori pericolo.

Ad annunciarlo, con un breve ma intenso post su Facebook, sono stati i familiari, i quali hanno anche voluto ringraziare quanti, in questo tremendo periodo, li hanno affiancati e sostenuti, senza però dimenticare di biasimare l’investitore che invece di dimostrarsi pentito e disponibile, non avrebbe dimostrato alcun interesse nei confronti della vita che a causa del suo comportamento ha rischiato di spezzare.

«È fuori pericolo – si legge nel post dei familiari – Abbiamo di nuovo tuffato i nostri occhi nei suoi, nascendo, per la seconda volta, e abbiamo visto rinascere lui, il nostro amatissimo primogenito. La sua immensa forza non ci ha solo sorpresi, ci ha lasciati increduli, senza fiato. Sentire la vostra enorme solidarietà , il vostro sostegno e le vostre preghiere, che hanno trasformato questo incubo in un sogno di speranza, ci ha dato tanta energia, anche questa volta il grande cuore di Paola ha fatto sentire il suo battito di amore ed empatia. Adesso dovremo avere pazienza perché la ripresa di Stefano sarà impegnativa e lunga. Ma noi siamo determinati a restituirgli la sua quotidianità semplice e gioiosa di ragazzo spensierato».

Quindi i ringraziamenti a «tutti, uno per uno, e lo faremo anche personalmente e vi auguriamo, sempre, luce e speranza anche nei momenti più difficili. Una nota felice – è la chiosa di gratitudine verso i medici – la tanto vituperata sanità calabrese offre squarci di eccellenza assoluta, noi al pronto soccorso di Cetraro ed alla Rianimazione dell’ Ospedale Annunziata di Cosenza dobbiamo Tutto!».

Quindi il biasimo nei confronti della persona che, per pochissimo, non ha privato il giovane della sua vita: «a colui il quale ha fatto piombare nostro figlio in questo baratro, non accennando nemmeno ad un tentativo di soccorso, prima, e non preoccupandosi di fargli giungere anche solo una parola di augurio, in seguito, e di far giungere alla sua famiglia una parola di conforto, auguriamo ancora più luce visto che vaga nelle tenebre del NON rispetto della vita, e ci auguriamo, per il bene di tutti, che il suo vagare sia senza un bolide».

Come si ricorderà, il giovanissimo paolano era stato investito, mentre attraversava a piedi, da un Suv  Jaguar lanciato a forte velocità lungo la strada che, dalla SS18, porta agli stabilimenti delle Terme Luigiane, in prossimità dell’Hotel “Parco delle Rose”, dove il ragazzo avrebbe dovuto partecipare ad una festa in compagnia degli amici.

Minorenne paolano investito a Guardia P., i familiari: «È fuori pericolo» ultima modifica: 2019-07-02T06:56:40+02:00 da Redazione
Redazione

About