Prendi una serata della seconda decade di Agosto, colorala di blu, diffondi nell’aria il senso di una coesione capace di mettere insieme gli elementi fondamentali del divertimento, lascia che il clima dell’estate faccia la sua magia e poi goditi il risultato.

Messa in questi termini, la ricetta della Notte Blu che s’è vissuta a Paola tre giorni fa, sembra davvero un mix di ingredienti che chiunque potrebbe mescolare a piacimento.

E invece no, perché mettere in piedi un’iniziativa che ha visto coinvolti tutti gli esercizi commerciali presenti su Corso Roma, Piazza IV Novembre,  Piazza del Popolo, Corso Garibaldi e Via Valitutti, ha richiesto doti da Chef stellati, capaci di saper coniugare ogni sapore nel modo giusto, bilanciando le diverse tonalità del gusto a seconda della zona e dell’orario di ogni appuntamento messo nel menù.

Vetrine accese e saracinesche alzate fino quasi all’alba, a dimostrazione di un’apertura collettiva che è stata, senz’altro, dimostrazione di una voglia d’incontro che l’intera città sente di poter offrire in ogni periodo dell’anno, in bassa e in alta stagione, col maltempo o sotto al sole, perché Paola – a differenza di tante altre realtà litoranee – è “aperta” tutto l’anno (basta solo ricordarselo).

Nella circostanza specifica però, ciò che ha colpito è stata l’affluenza di avventori, con picchi di partecipazione che in alcune zone hanno registrato concentrazioni tali da ricordare gli “ammassamenti” propri del 4 Maggio, quando lo spazio dell’intera città sembra essere ristretto a pochi centimetri quadrati concessi a ciascuno per deambulare.

Ogni locale illuminato è stato tappa di qualcuno, con gli “esercizi accesi” visitati da tante persone,  segno di una preferenza che durante l’esibizione di Cecilia Gayle, artista di fama internazionale, ha raggiunto il suo culmine.

Perfettamente coordinati, l’Ente Fiera e l’amministrazione comunale di Paola, hanno predisposto l’allestimento di un evento «ancora una volta riuscito – ha detto il sindaco Roberto Perrotta – grazie alla capacità collaborativa dei paolani, che nelle loro vesti di cittadini e titolari di attività, hanno partecipato con convinzione al successo dell’intera manifestazione. Dare nuovi stimoli e rendere  ancora più accogliente la nostra Paola – ha proseguito il primo cittadino – è stata un’esperienza che ognuno ha apprezzato, con risultati eccellenti tanto nel gradimento dei turisti, quanto in quello degli stessi residenti. Un chiaro esempio di ciò su cui poter contare in prospettiva futura, un risultato del quale sono grato all’assessore Marianna Saragò, ai commercianti che hanno aderito, al nostro personale, alle associazioni e alle forze dell’ordine, sempre puntuali, presenti e collaborative».

La Notte Blu di Paola «è parsa il 4 Maggio». Complimenti agli organizzatori ultima modifica: 2019-08-22T11:25:01+02:00 da Redazione
Redazione

About