giorgio sganga

Paola – Sganga accoglie le sospensioni dall’Ordine decise da “Zona Grigia”

La recente operazione “Zona Grigia” (appendice produttiva della più vasta operazione “Matassa”), condotta dalla Procura della Repubblica di Paola e dalle Fiamme Gialle, ha portato alla luce uno spaccato preoccupante dove, a farla da padrone, erano cinque commercialisti (Antonio Perricone, 45 anni di Paola; Raffaele Rizzo, di San Ferdinando (RC) 61 anni; Lorenzo Guagliano, 46 anni di Praia a Mare; Ciriaco Monetta, 54 anni di Belvedere Marittimo; e Maria Giuseppina Cardaciotto, 64 anni di Praia a Mare) tutti accusati di aver apposto un visto di conformità su fraudolente dichiarazioni Iva, consentendo agli appartenenti all’associazione a delinquere, la compensazione di fittizi crediti Iva per il pagamento di contributi, imposte, ritenute e cartelle esattoriali.

Tre dei professionisti coinvolti e raggiunti da un interdittiva consistente nel divieto temporaneo di esercitare l’attività professionale per la durata di 12 mesi, nonché ogni attività ad essa inerente, appartengono all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Paola, di cui il professore Giorgio Sganga è presidente, e proprio in questa veste è giunto oggi un intervento a mezzo stampa funzionale a chiarirne la posizione.

«Il nostro Ordine – ha detto il presidente – saluta sempre con estremo rispetto ogni iniziativa giudiziaria tesa a riportare la legalità fra i cittadini e necessaria per fare chiarezza con i dovuti distinguo fra chi conduce la propria attività professionale nell’ossequio delle norme vigenti e chi, invece, si lascia prendere dall’affiancamento della “mala gestio”, con atti contrari alle disposizioni di legge. La stragrande maggioranza dei Commercialisti agisce quotidianamente con serietà e dedizione accompagnando professionalmente l’imprenditore della conduzione della propria attività d’impresa, ponendosi altresì al servizio della Giustizia, nelle diverse e specifiche vesti di curatore, commissario giudiziale, commissario liquidatore nelle procedure concorsuali, giudiziarie e amministrative; nelle procedure di amministrazione straordinaria; di ausiliario del giudice, di  amministratore e di liquidatore nelle procedure giudiziali, di delegato alle operazioni di vendita di beni mobili e immobili e tanto altro ancora».

Il Consiglio dell’Ordine paolano, accogliendo la richiesta di interdittiva formulata dal Gip del Tribunale di Paola, ha quindi sospeso gli indagati, «ricordando a noi stessi – ha concluso il professore Giorgio Sganga – che l’Ordine professionale è emanazione del Ministero della Giustizia, ci sentiamo parte in causa ed attendiamo fiduciosi la definizione del procedimento in corso. Si sappia, comunque, sin da ora che qualora dovessero emergere profili di colpevolezza con chiare e manifeste responsabilità dei nostri iscritti, l’Ordine potrà costituirsi anche parte civile, affinché la delicata ed importante professione del Commercialista venga tutelata».

About Francesco Frangella

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

elezioni regionali calabria 2019

Siamo artefici del nostro destino: doveroso partecipare al processo democratico

di Gioacchino Cassano Le competizioni elettorali regionali sono alle porte e, checché ne dica l’Amico …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: