vincenzo cesareo

Cetraro – Voci a difesa di Vincenzo Cesareo, Direttore Medico dello Spoke

Dopo la pubblicazione della nota stampa diramata dal movimento politico-culturale “Cambia Paola”, nella quale è apparso chiaro un “attacco” alla figura del Direttore Medico dello Spoke “Paola-Cetraro”, Dr. Vincenzo Cesareo, una ridda di commenti e opinioni hanno iniziato a comparire sulle pagine social collegate al sito di questa Testata.

http://adissmultiservice.it/

Escludendo quelle a supporto dell’iniziativa proposta dai “paolani”, di seguito si propone un (riduttivo) elenco di ciò che è stato condiviso a difesa del camice bianco, con infine la posizione “ufficiale” del circolo cetrarese del partito “Forza Italia”.

  • «Ancora una volta non riesco a capire questo accanimento su un uomo vero e sempre onesto…..in questo momento delicato e preoccupante mi viene da dire una sola parola……..VERGOGNATEVI SCIACALLI»
  • «Ho conosciuto il dottore Vincenzo Cesareo di persona e devo dire che è una persona garbata, e meravigliosa, per non parlare della professione che da anni esercita nel campo della medicina e devo aggiungere con grande onore».
  • «Conosco personalmente il dottor Cesareo…grande uomo ..sempre a disposizione di tutti…che fa e ha sempre fatto il suo lavoro con devozione….a prescindere dal momento politico che abbiamo vissuto nel corso degli anni ….persone di grande umanità al servizio dei concittadini e non….e poi fare queste mosse politiche ” azzardare ” in un momento così drammatico per tutti è vergognoso»
  • «Io dico che siete fuori di testa.. il Dottore Cesareo è uno dei più grandi medici che si trova nella regione Calabria.. quindi evitate questa notizie quando non sapete più cosa scrivere grazie!!»
  • «Sempre dalla parte dei cittadini anche nelle situazioni più banali…una persona disponibile SEMPRE!! Un grande professionista come pochi!!»

Quindi la nota condivisa su Facebook da Forza Italia “Cetraro”:

GIU’ LE MANI DAL DR. VINCENZO CESAREO

«Quanto c’è di politico e culturale in un movimento che, in un contesto sanitario e sociale come quello che stiamo vivendo, si consente di indicare nel Direttore Sanitario dello Spoke Cetraro-Paola, dott. Vincenzo Cesareo, il principio e il fine di ogni male? Con molte probabilità, la drastica riduzione della libertà di movimento adottata dal governo, nel provocare le prime sindrome depressive in alcuni soggetti, si annuncia in essi con l’apparizione di mostri, essendo la loro ragione in uno stato di sonno profondo. Nel mese di agosto 2019, di fronte alla chiusura temporanea del Punto Nascita ed a tutte le altre criticità, che riducevano pericolosamente i Livelli Essenziali di Assistenza nelle due Strutture Ospedaliere del nostro territorio, fummo costretti a stigmatizzare pubblicamente le continue ed inadatte incursioni, nella sanità locale, della politica amministrativa della città di San Francesco. Soprattutto di quella fatta con le minacce della denuncia legale nei confronti di Dirigenti Sanitari, rei di mettere la loro professionalità e competenza al servizio di una più qualificata e legittima erogazione delle prestazioni sanitarie di tutte le Unità Operative Complesse del nostro Spoke. Non sbagliammo, indicando nel campanilismo elettoralistico e nel modello organizzativo vigente, la vera causa del disfacimento della Sanità nei due Comuni tirrenici. Bisogna che la nuova Amministrazione Regionale pensi al più presto a revocare il Piano costitutivo degli Spoke e crei nuovi Presidi ospedalieri, facendosi guidare da valutazione esclusivamente medica dei requisiti e potenzialità strutturali, tecniche, logistiche di quelli esistenti. Solo dividendo i destini del Iannelli e del San Francesco, sostenemmo, si sarebbe potuto prendere in seria considerazione la salute e la vita dei nostri cittadini! Il dr. Vincenzo Cesareo, soprattutto in una fase così critica del Servizio Sanitario nazionale, si sta distinguendo come un fulgido ed eroico esempio di dirigenza esperta ed altamente professionale. E’, questo, un rilievo che, per i fatti consumati, merita di essere menzionato come una delle prove più alte e significate date dalla Sanità calabrese di fronte all’emergenza del Coronavirus! Da dieci anni, spogliata di qualsiasi diritto, di personale e dei più elementari dispositivi e mezzi di contrasto alle malattie. Già dal 23 febbraio scorso, quando ancora i protocolli ministeriali erano approssimativi e nessun decreto governativo aiutava la classe medica a contenere il contagio, il dr. Cesareo dava prova delle sue capacità mediche e organizzative. Tutti noi, compresi i cittadini di Paola, dobbiamo a lui, esclusivamente a lui, il contenimento del contagio nei soli due componenti della famiglia nostra concittadina, proveniente dalla provincia di Lodi. Il primo caso affrontato in Calabria. Ma la sua lungimiranza medica e i suoi forti princìpi deontologici, perché sia chiaro ai nuovi untori di odio e veleni, fanno parte integrante del Decreto del Presidente Iole Santelli, con il quale la stessa Governatrice ha disposto l’organizzazione di tutte le Strutture calabresi, di fronte all’espansione del virus. Guidandole, e confidando nelle eccellenze mediche, infermieristiche, e in tutto il personale sociosanitario, ha già provveduto, forse iI primo e il solo in tutti gli Spoke regionali, a ristrutturare padiglioni e attrezzare dovutamente i reparti Covid 19 nel “ Iannelli “ di Cetraro. Senza parzialità, senza condizionamenti, senza campanili! Meditate gente! La prima difesa contro l’aggressione del virus, statene certa, è tenere a distanza la vostra bile e dissennatezza dal dr. Vincenzo Cesareo!».

About Redazione

Redazione

Check Also

vigili del fuoco paola

Paola – La Caserma dei Vigili del Fuoco resta in Città: firmato l’atto notarile

La caserma dei Vigili del Fuoco resta a Paola. Con questa certezza, il consigliere comunale …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: