strisce blu paola

Paola – I commercianti (ri)vogliono le “strisce blu”… e Samà li esaudisce

Il 4 settembre scorso, ottenuta l’elezione di Barbara Sciammarella alla carica di presidente del consiglio comunale (senza però avere ancora cognizione ufficiale dei due nuovi innesti nell’esecutivo) la giunta guidata da Roberto Perrotta (sindaco) e composta per tre quinti da Marianna Saragò (attuale vicesindaco), Emilio Mantuano (riconfermato assessore) e Alessio Samà (anch’egli prorogato nel ruolo), ha deliberato un atto di indirizzo «per riattivazione pagamento aree di sosta con parcometri e predisposizione iter procedurale del bando di gara per affidamento servizio “strisce blu”».

adiss

Secondo quanto vergato dal “proponente”, nella fattispecie il delegato alla viabilità: Alessio Samà;  «ritenuto di accogliere le richieste dei commercianti di riattivare il funzionamento dei parcometri tramite il pagamento ticket delle “strisce blu”, al fine di meglio regolamentare la presenza dei clienti per un maggiore ricambio di utenti», verranno riattivati i parcheggi a pagamento su tutta l’area urbana che, stanti alcune “anticipazioni”, potrebbero comprendere anche la periferia nord (strade interne comprese).

Quindi, così come specifica Samà nella sua proposta, sarebbero stati i commercianti a chiedere a gran voce il ripristino degli stalli contrassegnati d’azzurro, pertanto i cittadini che s’erano abituati a lasciare la macchina senza recarsi alla colonnina per prelevare il tagliando a pagamento – così come era stato stabilito al tempo del lockdown – si mettessero l’anima in pace.

D’altronde, l’economia deve tornare a girare, sia per il comune che per i privati (anche quelli che gestiscono il servizio di controllo, che potrebbero dover “potenziare” il personale).

E mentre dall’albo pretorio online del comune di Paola è impossibile conoscere il dettato della delibera di giunta n.125 (avente ad oggetto: “MODIFICA PROGRAMMA TRIENNALE OPERE PUBBLICHE 2020/2022 ED ELENCO ANNUALE 2020 DEI LAVORI PUBBLICI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI G.C. N. 111 DEL 30.07.2020”) perché il file PDF allegato al link è “danneggiato e non può essere riparato”, continuando la disamina relativa ai documenti prodotti dall’esecutivo, ne è presente uno che è chiaramente marcato dalla “nuova” giunta (quindi partecipata dalla dott.ssa Grazia Surace e dal dr. Ernesto Trotta), che su proposta della neo vicesindaca Marianna Saragò, ha deliberato lo schema di convenzione per il «Sistema di controllo dei accessi nel centro storico di Paola e regolamentazione della distribuzione delle merci”».

Una bella iniziativa che, però, senza la possibilità di consultare la delibera di giunta n.125, risulta alquanto difficile da capire.

In attesa di nuove pubblicazioni (e magari riproposizioni di ciò che è “illeggibile”), l’appuntamento con la storia amministrativa di questa città è rimandato a presto.

About Vincenzo Marino

Vincenzo Marino
Italiano d'origine, irlandese di adozione, giramondo e narratore per scelta. Coltivo diversi interessi e presto molta attenzione a ciò che accade a casa mia, tra le pareti del mondo che condividiamo tutti.

Check Also

roberto perrotta

Paola – A furia di strattoni la giacca di Perrotta è un «cencio» (Falbiani dixit)

Riapertura (ritardata a Paola) dell’anno scolastico: impietosa analisi dei componenti di “Progetto Democratico”, compagine elettorale …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: