Costa – Caos dati covid: la comunicazione istituzionale su dati non ufficiali?

Come stiano facendo a formulare dati e tabelle basati su censimenti covid “comune per comune”, nelle realtà sottoposte al controllo dell’Asp di Cosenza, è davvero un mistero.

http://adissmultiservice.it/
Quali siano le fonti a cui comuni come Fuscaldo, San Lucido, Cetraro e Belvedere Marittimo, stiano attingendo informazioni “attendibili” per fornire un quadro schematico delle rispettive “mappe del contagio”, rappresenta un rompicapo non di poco conto.

Da quando le indagini epidemiologiche sono state demandate anche ai laboratori privati, la mole di numeri da elaborare è stata tale da indurre l’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza ad assumere la decisione di sospendere le comunicazioni quotidiane riservate, “caso per caso”, ad ogni realtà territoriale.

Queste le parole con cui, solo tre giorni fa la dott.ssa Amalia Maria Carmela De Luca, Dirigente medico, Responsabile U.O.S.D Epidemiologia e Sorveglianza di Popolazione, ha sancito la fine delle comunicazioni “specifiche” per ogni municipalità: «L’Azienda Sanitaria di Cosenza, unica in ambito regionale e, per dettaglio di informazioni, anche in ambito extraregionale, dall’inizio dell’epidemia Covid-19 ha scelto di informare i cittadini sull’andamento dei contagi e lo fà con report quotidiani che vengono diffusi agli Organi di stampa e pubblicati sul sito aziendale. Da qualche giorno il report non comprende il dettaglio di Comune; questa scelta non è stata dettata dalla necessità di rispondere a veti di chicchessia, ma semplicemente è scaturita da alcune considerazioni che esponiamo a beneficio di tutti i fruitori delle suddette informazioni. Con l’aumentare dei contagi è cresciuta l’attenzione e l’ansia della comunità per tutto ciò che si riferisce all’epidemia; abbiamo avuto modo di constatare, specie nei piccoli Centri, numerosi nella nostra Provincia, che anche una unità di contagiato in più rispetto al giorno precedente genera allarme e fa scattare la ricerca di informazioni, anche mediante l’uso improprio dei social, con l’obiettivo di identificare il caso. Riteniamo che il diritto all’informazione possa continuare ad essere soddisfatto mediante la pubblicazione di report settimanali, anche con dettaglio di Comune, senza che questo generi ansia e produca effetti negativi sulla collettività. Intendiamo perciò rassicurare tutti sulla continuità del servizio di informazione, riservandoci in ogni caso la scelta dei contenuti, che riteniamo ci appartenga».

A questo punto, informare la cittadinanza con “dati certi” e comunicazioni “ufficiali”, risulta davvero impossibile, a meno che non si disponga di informazioni “riservate” che l’Asp non dà pubblicamente e che nessun laboratorio privato, per questioni di privacy, può diffondere ad enti diversi dall’Azienda Sanitaria.

Nella comunicazione istituzionale, la trasparenza è il primo obiettivo da raggiungere: pubblicare grafiche con dati, senza citare la loro provenienza, rischia davvero di confondere la popolazione e può davvero generare fenomeni di psicosi difficilmente controllabili.

Per una disamina di quanto prodotto in realtà diverse da Paola (che al momento è l’unica ad essersi allineata alla disposizione Asp), si rimanda alle immagini che seguono, dove si potrà notare che a Belvedere i dati li elabora un consigliere comunale, mentre a San Lucido si annunciano informazioni supportate, addirittura, del logo SSR (“Servizio Sanitario Regionale”, affissione alla grafica non si sa quanto “autorizzata”) e lo stemma della Regione Calabria.

La comunicazione dei dati covid fatta a Belvedere Marittimo (dati elaborati da un consigliere comunale)
La comunicazione dei dati covid fatta a Cetraro (manca la fonte dei dati)
La comunicazione dei dati covid fatta a Fuscaldo (manca la fonte dei dati)
La comunicazione dei dati covid fatta a San Lucido: si noti il logo del Servizio Sanitario Regionale e lo stemma della Regione Calabria)

About Francesco Frangella

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.

Check Also

elezioni paola 2022

Paola – Il centrosinistra rompe gli indugi: via libera alla prima Coalizione

A Paola, parlare di “un” centrosinistra e di “un” centrodestra, mai come in questo momento, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: