sequestro beni cosenza

Circoli privati e sale giochi nel mirino della GdF per le norme “anticovid”

Nota diramata dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza

Nell’ambito dei servizi di controllo economico del territorio, i Finanzieri del Gruppo Cosenza
hanno proceduto a sanzionare in via amministrativa alcune persone che, violando le vigenti
disposizioni anticovid, si erano riuniti all’interno di un circolo privato di Cosenza.
All’atto dell’ingresso delle Fiamme Gialle, all’interno dei locali privati erano presenti 17
persone, le quali hanno cercato di giustificare la propria presenza sul posto con l’esigenza
di procedere alle elezioni del nuovo organo direttivo di una loggia massonica cittadina.
Dopo aver identificato i presenti, i Finanzieri hanno proceduto alla contestazione
amministrativa a carico di 9 di essi, i quali, essendo residenti fuori Cosenza, avevano
trasgredito all’attuale divieto di spostamento dal comune di residenza senza comprovate
esigenze.
Nel corso di altre attività di perlustrazione del territorio, le Fiamme Gialle hanno sanzionato
11 clienti di 4 bar, situati tra Cosenza e Rende (CS), che consumavano bevande ed altri
generi alimentari all’interno degli esercizi commerciali, ovvero nelle immediate vicinanze,
seppur residenti in altri comuni della provincia.
Tra questi soggetti, anche uno “recidivo” che, nel mese di ottobre 2020, era già stato fermato
mentre transitava in un parco pubblico senza indossare né avere al seguito la prevista
mascherina protettiva.
In un’altra occasione, è stata individuata e sospesa una sala giochi e scommesse, situata
nel comune di Luzzi (CS), la quale, contrariamente a quanto previsto dalle disposizioni di
legge, rimaneva aperta al pubblico mediante la predisposizione dei locali e delle slot
machine.
Dai successivi accertamenti è emerso che, anche nei giorni immediatamente precedenti al
controllo, gli apparecchi da intrattenimento erano stati effettivamente collegati alla rete
telematica dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ed avevano registrato cospicue
giocate.
Complessivamente, sono state segnalate alla Prefettura di Cosenza 20 persone fisiche e 5
titolari di esercizi commerciali, destinatarie di sanzioni per oltre 25.000 €, e per questi ultimi
è scattata anche la sospensione della licenza commerciale, con effetto immediato.
Proseguono i servizi svolti dalla Guardia di Finanza per garantire il rispetto delle disposizioni
governative per limitare la diffusione del COVID-19.

About Redazione

Redazione

Check Also

cia calabria nord

Cia Calabria Nord: “gestione fallimentare del Consorzio dello Jonio Cosentino, intervenga la Regione”

Non si ferma la battaglia portata avanti da Cia Calabria Nord per una corretta gestione …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: