Paola – 7 Fontane (finiti) e Rotonda di Rione Croce (ulteriori): Soldi ai lavori

L’ultima infornata di atti pubblicati sull’albo pretorio, dimostra l’impegno dell’amministrazione comunale paolana, protesa a gestire la città malgrado le traversie del momento storico, caratterizzato da un’emergenza sanitaria senza precedenti.

Tra i tanti documenti resi disponibili alla cittadinanza, due riguardano tematiche affrontate su questa testata proprio di recente, entrambi inerenti il settore dei lavori pubblici messi in opera sul territorio.

Nella fattispecie si tratta di due determine dirigenziali prodotte dall’Ufficio Tecnico, di cui una relativa a quanto fatto di recente presso la rotonda installata sul tratto di SS18 che interseca Rione Croce, mentre l’altra riguarda la regolare esecuzione dei “Lavori di miglioramento dell’ accessibilità al “Teatro Mauro Ganeri”.

Con la prima, che fa seguito ad un affidamento risalente al 30 settembre scorso, sono stati pagati “ulteriori lavori di messa in sicurezza” (svolti presumibilmente nel mese di ottobre) sul nevralgico snodo da dove, quotidianamente, tanti pendolari prendono gli autobus per l’entroterra cosentino. Stante ciò che scrive il dirigente settoriale: «durante l’esecuzione delle lavorazioni, è emersa la necessità di effettuare la bitumazione di una superficie aggiuntiva rispetto a quella prevista da progetto, al fine di mettere in completa sicurezza tutta l’area». Una cifra quantificata in 15mila 400 euro.

Di seguito si propone l’immagine condivisa su Facebook dalla pagina istituzionale dell’amministrazione, che lo scorso 24 Luglio ha pubblicato un post nel quale l’infrastruttura è perfettamente visibile dall’alto grazie alla foto scattata da un drone, che evidenzia anche il “nero” dell’asfalto posato in quella circostanza.

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ESPANDERE

Il secondo atto di pagamento ha invece riguardato ciò che è stato posto in essere come intervento a Largo 7 Fontane, una zona da sempre caratterizzata dalla presenza di barriere architettoniche che, di fatto, hanno finora impedito l’accesso alle strutture del Centro Laboratoriale “A. Eboli” e del Teatro all’aperto “M. Ganeri” alle persone con disabilità.

Sebbene soltanto lo scorso 21 Novembre, sempre sulla pagina istituzionale aperta sui social dal comune di Paola, fosse stato chiarito che un deturpante intervento di installazione “rampa d’accesso” fosse soltanto un: «un “modello studio” per il completamento del progetto di abbattimento delle barriere architettoniche dell’area»; dando credito a ciò che il dirigente dell’Utc ha scritto in un atto datato 28 ottobre, i lavori sull’area erano da considerarsi conclusi e quindi “pagabili” (con 34 mila 499 euro e 99 centesimi messi in fattura già alla data del 5 ottobre scorso).

Allo stato, rampa a parte, risulta l’installazione di due montascale e di un ascensore (quest’ultimo allocato presso il Centro Laboratoriale “A. Eboli”), difficilmente fruibili senza un dispositivo che consenta l’accesso alla zona. Però i lavori sono stati liquidati come conclusi, perché è stato accettato il “Certificato di  Regolare Esecuzione” presentato dallo stesso tecnico dell’ente.

Il “modello studio” di rampa, rimosso quasi contestualmente alla sua installazione

About Redazione

Redazione

Check Also

eugenio barone alzheimer

Paola – Ricerca sull’Alzheimer: riconoscimento per il prof. Eugenio Barone

dal sito dell’Università “La Sapienza” di Roma (www.uniroma1.it) Il progetto “Unravelling a novel mechanism favoring …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: