incendio agosto paola 2021

Perché tollerare lo sfacelo? Fino a quanto in basso dobbiamo scendere?

Riflessione condivisa dal nostro lettore Gioacchino Cassano

Madre Natura ci ha fatto dono di un Paese meraviglioso, corredato da altri due immensi tesori, un mare cristallino ed una montagna verde e lussureggiante!

Il nostro compito era quello di godere di queste meraviglie e di trasferirle- incontaminate- ai nostri successori !

Ma, evidentemente, ci riusciva troppo faticoso seguire serenamente questo percorso e ci siamo adoperati a variare il corso della nostra esistenza con maldestri tentativi – alcuni mirati, altri involontari- che hanno alterato il meraviglioso e naturale modello di ecosistema vigente e causato danni irreversibili di cui noi ed i posteri paghiamo le tristi conseguenze!

Il nostro mare, un tempo limpido ed azzurro, è stato inquinato fino all’inverosimile, considerato il ricettacolo di tutte le impurità: fogne, scarichi abusivi ed altri residui di depuratori inadeguati !

Purtroppo Chi e Coloro che avevano l’obbligo di controllare, tutelare e garantire non hanno compiutamente fatto il Loro dovere ed hanno causato un danno irreversibile!

Uno dei nostri beni primari è stato preso in ostaggio dalla noncuranza, determinando, conseguentemente, gravi ferite al turismo locale, una delle poche risorse del Paese!

La condotta- presumibilmente non adamantina – dei responsabili ha richiamato la attenzione della Magistratura che, ultima ancora di garanzia e di salvezza, ha iniziato un paziente e certosino lavoro, inteso ad individuare eventuali responsabilità ed a consegnare, conseguentemente, agli utenti  il tanto agognato mare pulito!

E, dato che gli scempi viaggiano sempre in compagnia, la lussureggiante e verde montagna è stata anche essa aggredita da mano nemica ed incosciente .Verosimilmente, una squadra ben assortita di presunti piromani si è armata di accendini ed avrà pensato  di scaldare ulteriormente l’ambiente, già avvelenato dalla calura e dal covid , dando fuoco alla splendida macchia mediterranea.

Nessun timore di essere controllati!  Il Corpo Forestale , quello tradizionale, è stato eliminato nel 2017 ( assorbito dall’Arma dei Carabinieri); l’esercito…degli operai forestali ridotto al lumicino; l’ assessorato Regionale ,non so !se ed in quale misura conosca il problema e lo abbia in debita cura e considerazione ! Quindi, via libera?

Per due intere giornate il Paese ha assistito- attonito- al rogo del suo prezioso patrimonio boschivo! Tutti i mezzi di soccorso hanno combattuto strenuamente per domare gli incendi sparsi lungo tutto il crinale!

Interverrà anche qui l’ancora di garanzia e di salvezza? Mi riferisco alla Giustizia!

È tempo che ognuno si assuma le proprie responsabilità, quelle, per intenderci, connesse al lavoro ed alle funzioni  cui viene adibito e che gli Organi Politici preposti onorino gli impegni con i cittadini dai quali hanno ricevuto la nomina ed il mandato fiduciario.

Il mio auspicio è quello di rivedere la nostra meravigliosa Città riappropriarsi dei tesori restaurati ,così  come ricevuti da Madre Natura! Presto, non si perda altro tempo prezioso!

About Redazione

Check Also

Paola – Le Piramidi non (si) reggono più. La Sfinge resiste (fino a quando?)

Da una lettrice de “Il Marsili Notizie”, che garbatamente ne ha chiesto la condivisione sulla …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: