Something went wrong with the connection!

Posts From Lucio Sessa

Anomalisa: sogno “inaspettato” di 4 musicisti (3 paolani) prodotto a Londra

Spesso si dice che la musica, e  l’arte in generale, arrivi dove non le parole non hanno accesso…e probabilmente è vero. Altrettanto spesso si dice che la musica costituisce una sorta di linguaggio universale, come se fosse un veicolo immateriale capace di trasportarti in altri spazi, tempi, dimensioni…e probabilmente è vero anche questo. Nel caso della musica jazz-fusion, che attinge a piene mani da fonemi di matrice varia e composita,

“Out of all this blue”: di tutto questo, dove il colore è tonalità di sentimento

di Lucio Sessa Chiariamo subito una cosa: realizzare  un disco che affonda le proprie radici in stili già sperimentati da altri, non significa necessariamente copiare, ma piuttosto esserne ispirati. La novità, semmai, riguarda l’artista (o la band) che nei decenni di produzione precedente, ha la capacità di proporre la propria arte in modalità diversa rispetto alle proprie abitudini, che spesso diventano cliché. “Out of all this blue” è esattamente questo

Mondo al Contrario – Ilenia Volpe trasforma il veleno in Amore

E poi,succede. Tu non sai se e quando sarai pronto: è una questione di razionalità che ha i suoi tempi per poter affiorare. Si, succede che quella che è la tua passione, si rivela per essere la tua consapevole vita e si concretizza in note, messe lì in fila con le parole che guardano dritto negli occhi  e affermano che  SI !  si può attraversare la vita da vivi,senza armature,senza

STEREOPHONICS – KEEP THE VILLAGE ALIVE

«un tuffo nell’energia post punk fine anni 70, che trasmette nuovo immediato vigore: disco fresco, istintivo eppure con radici profonde…» (L. S.)   Come cercare un labile equilibrio camminando su un cavo d’acciaio nel quale passa corrente elettrica ad alto voltaggio. Un equilibrio sospeso tra l’umido di strade asfaltate suburbane,nelle quali la pioggia appena caduta riflette luce di improbabili lampioni dalla luminosità fioca,gialla,apparentemente malata, e l’odore di un affollato concerto