Sciorinando un elenco di quarantacinque voci, ognuna afferente ad una realtà commerciale presente nell’area interessata dalla nuova isola pedonale di Corso Roma, i commercianti paolani hanno inteso rispondere alla lettera, rilanciata dal sindaco Ferrari sul suo blog, nella quale il titolare di una singola attività ha rimarcato la necessità di espandere il divieto al transito veicolare anche nelle vicinanze attigue all’opera già posta in essere.

Rivolgendosi al primo cittadino, i titolari della maggior parte degli esercizi di Viale Mannarino e quelli che hanno la loro attività nei pressi dell’isola pedonale, considerando sia gli “interni” che coloro posti ai due estremi, hanno scritto quanto segue. «Caro Sindaco di Paola, oggi, noi commercianti di Corso Roma, ci vediamo costretti a rispondere ad un articolo comparso sulle pagine del “Quotidiano”, in cui si cita una lettera indirizzata al sindaco di Paola, a firma dell’attività commerciale Marincola S.a.S., in cui emergono delle personali convinzioni sull’isola pedonale realizzata nella città di Paola. Fatto salvo il rispetto che nutriamo per tutti i nostri colleghi e rispettando le sue opinioni, vogliamo far presente che in Viale Mannarino tutti i commercianti da noi intervistati, e sottolineiamo tutti, non sono d’accordo con l’istituzione di una area pedonale e che, quindi, il titolare della Marincola S.a.S. ha espresso una richiesta solo ed esclusivamente a titolo personale, non condivisa dagli altri operatori di quella strada. L’eventuale trasformazione di Viale Mannarino in area pedonale vedrebbe anche la prima parte di Corso Roma, oggi transitabile, trasformata in isola e, a tal proposito, i commercianti che si trovano in tale area non sono assolutamente d’accordo».

Manifestando un’unità di intenti plebiscitaria, concordata in base ai disagi subiti dall’istituzione dell’opera, i firmatari della lettera hanno poi aggiunto: «La nostra amministrazione ci aveva assicurato dapprima che la strada, così rifatta, sarebbe stata carrabile (parole rimangiate) in un secondo momento ci aveva proposto, all’inizio del mese di dicembre, che sarebbero sorti dei nuovi parcheggi sulla nuova strada che collega il corso con via della libertà, anche questi mai realizzati. Il sindaco ci aveva anche assicurato che il mercatino domenicale sarebbe ritornato in centro e che durante la settimana ci sarebbe stata una manifestazione della Coldiretti per la vendita di prodotti tipici. Parole al vento, da aggiungere a quelle relative all’imminente costruzione e realizzazione, nell’area sotto l’Agip, di un mega parcheggio a servizio della cittadinanza e a servizio dei pullman che sarebbero stati indirizzati in tale area attraverso l’istituzione di una ZTL (zona a traffico limitato) per le vie che portano al Santuario. Noi siamo contrari a questo tipo di area pedonale che non ha tenuto conto dei servizi minimi necessari e di uno sviluppo sostenibile del commercio. Chiediamo, ancora una volta a questa amministrazione, di riaprire al traffico l’isola pedonale di Corso Roma dal lunedì al venerdì e di chiuderla solo nel fine settimana o in occasioni di manifestazioni».

Poi, l’affondo diretto: «Caro sindaco, sarebbe opportuno che lei tenesse conto di tanti lavoratori che manifestano una difficoltà e che nel contempo faccia in modo di assecondare le richieste di tanti che hanno la preferenza sui singoli. Vorremmo anche che questa nostra articolata richiesta sia inserita sul Blog “Ferrari amministra”, contestualmente alla pagina omonima di Facebook, visto e considerato che su questa pagina è stata inserita la lettera di un singolo commerciante e che ha avuto tanto risalto. Lasciamo a voi amministratori ed in particolare a Lei, Sig. Sindaco di Paola, Avv. Basilio Ferrari, il compito di tirare le dovute conclusioni sulla creazione dell’isola pedonale e sulla sua effettiva fruibilità ed efficacia».

Paola – Lettera al sindaco, sull’isola pedonale: «Parole al vento» ultima modifica: 2015-03-03T22:39:46+02:00 da Francesco Frangella
Francesco Frangella

About 

Giornalista. Mi occupo di Cronaca e Politica. Sono tra i fondatori del Marsili Notizie ed ho collaborato come freelance per varie testate.