Something went wrong with the connection!

Multimedia

CinemAmbulante, videointervista a Giulio Vita, direttore de La Guarimba

È in corso la quarta edizione di CinemAmbulante, ciclo di proiezioni di film di finzione e documentari sul tema dell’integrazione sociale promosso da La Guarimba Film Festival di Amantea e proiettati nei capoluoghi e in svariate cittadine della Calabria. Cliccando su questo link è possibile apprendere tutti i dettagli della rassegna. Nel video che segue Giulio Vita, direttore italo-venezuelano del Festival, me ne parla molto approfonditamente.

Il cinema d’essai è vivo e vegeto a Cosenza

Tra festival e appuntamenti settimanali, il capoluogo calabrese si riscopre patria della cinefilia e del movimento giovanile Il grande cinema esiste ancora, ovvio! Solo che è difficile trovarlo. Quante volte da ragazzini fummo costretti a prendere il regionale veloce – saltando la cena – per arrivare in tempo allo spettacolo serale di un cinema di uno sconosciuto paesino della provincia? O più semplicemente doverci rivolgere quasi sempre alle piccole multisala

Laterale Film Festival a Cosenza – 3 giorni di cortometraggi tanto particolari

Al Cinema San Nicola di Cosenza si terrà dal 7 al 9 giugno la terza edizione del Laterale Film Festival, una rassegna di cortometraggi organizzata dall’Associazione Culturale Laterale, nata a Cosenza nell’ottobre 2016 con lo scopo di divulgare una certa cultura audiovisiva alternativa e proveniente dai più svariati paesi del mondo Con un occhio di riguardo alla produzione di corti a basso costo e dai contenuti artistici di grande acume

Ennio Bispuri: “Quando conobbi Massimo Troisi” (INTERVISTA)

Venticinque anni fa, il 4 giugno 1994, ci lasciava il popolare comico e regista napoletano. In occasione di tale anniversario, giusto dedicargli un ritratto in una conversazione con l’amico Ennio Bispuri, biografo di Totò e storico del cinema classico italiano Tra le tante conoscenze celebri che hai avuto (Fellini, Scola, Emmer, ecc…) mi raccontavi anche di quella con Massimo Troisi. Me ne vuoi parlare? Certo, purtroppo non è stato un

Ang Hupa – A Cannes 2019 il nuovo film di Lav Diaz

Il nuovo lavoro del filippino Lav Diaz “Ang hupa” è in concorso quest’anno nella Quinzane des Realizateurs la selezione parallela del Festival di Cannes. Diaz è molto noto, oltre che pe i suoi interminabili piani-sequenza, per la lunghezza strabordante dei suoi film, in alcuni casi anche di dieci ore. Questo suo nuovo lavoro dura “solo” 276 minuti. La sinossi ufficiale riportata sul sito del concorso recita così: Siamo nel 2034.

Ritrovati i Caroselli di Peppino di Capri per il burro Polenghi Lombardo (’61)

In questi giorni dal canale Youtube della UPA Advertising Graffiti, una società milanese, sono stati caricati alcuni Caroselli pubblicitari cantati da Peppino di Capri con i suoi Rockers, fino all’altro giorno dati per persi. Si tratta degli spot pubblicitari che il cantante campano con il suo complesso ha girato nel 1961 per la reclame del Burro Optimus, un formaggio spalmabile prodotto dalla società lodigiana Polenghi Lombardo (chiusa nel 1997 e

Sergio Leone: 30anni fa moriva il maestro del western italiano (diG.Cilento)

di Gianmarco Cilento “Io non amo essere considerato padre. Nemmeno dai miei figli, che mi chiamano Sergio” afferma Leone in un’intervista TV del 1987. La cinefilia italiana ed europea lo battezza meritamente padre del Western italiano. Non ama quest’affermazione, e riconosce che prima del film capostipite da lui diretto nel 1964 “Per un pugno di dollari” sono stati prodotti ben trenta western in Italia. Il primo, “La vampira indiana” (1913),

“Perdizione”, eco arrivata all’oggi. Gianmarco Cilento nella scia di Bela Tarr

di Gianmarco Cilento Il regista Bela Tarr, uno dei più affermati cineasti ungheresi degli ultimi vent’anni, dopo la presentazione al Festival di Berlino del suo film “Il cavallo di Torino”(A torinói ló, 2011), annunciò di voler abbandonare la carriera di regista per dedicarsi ad altri progetti, tra cui l’insegnamento di cinema alla Sarajevo Film Academy, che ha appunto svolto tra il 2012 e il 2016 per poi abbandonarlo in seguito

Cinema – Benigni si misura nuovamente con “Pinocchio”, quello di Garrone

di Gianmarco Cilento “Un grande personaggio, una grande favola, un grande regista: fare Geppetto diretto da Matteo Garrone è una delle forme della felicità” così ha commentato Roberto Benigni il suo ritorno sullo schermo come attore a distanza di sette anni dalla sua ultima apparizione cinematografica, risalente al 2012 appunto, in “To Rome with love”, diretto da Woody Allen. Il popolare comico e regista toscano Premio Oscar interpreterà infatti Geppetto

Paola – Video – Gli assenti, i contrari e il Mondo Nuovo (stop “scustumati”!)

In principio fu la consigliere Maria Antonietta Maiorano, professionista stimata, apprezzato medico, madre e donna, a subire “il trattamento” che una certa filosofia politica riserva a chi entra in distonia col “modello”. Dato il suo allontanamento dalla concezione amministratrice in vigore al tempo in cui lasciò la maggioranza, la dottoressa Maiorano venne messa all’indice, e punzecchiata con comportamenti poco confacenti tanto nei confronti di chi rappresenta il popolo, quanto nei